Italia markets open in 5 hours 24 minutes
  • Dow Jones

    33.823,45
    -210,22 (-0,62%)
     
  • Nasdaq

    14.161,35
    +121,67 (+0,87%)
     
  • Nikkei 225

    29.094,55
    +76,22 (+0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    31.555,15
    -1.141,11 (-3,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    933,30
    -36,58 (-3,77%)
     
  • HANG SENG

    28.586,04
    +27,45 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.221,86
    -1,84 (-0,04%)
     

Il mondo impotente davanti ai fuochi di Gerusalemme

·Giornalista e conduttore televisivo
·2 minuto per la lettura
GAZA CITY, GAZA - MAY 11: Rockets are being fired from Gaza Strip towards different locations in Israel after deadline for Israel to withdraw its security forces from Masjid al-Aqsa, has been over on May 11, 2021, in Gaza City, Gaza. (Photo by Mustafa Hassona/Anadolu Agency via Getty Images) (Photo: Anadolu Agency via Getty Images)
GAZA CITY, GAZA - MAY 11: Rockets are being fired from Gaza Strip towards different locations in Israel after deadline for Israel to withdraw its security forces from Masjid al-Aqsa, has been over on May 11, 2021, in Gaza City, Gaza. (Photo by Mustafa Hassona/Anadolu Agency via Getty Images) (Photo: Anadolu Agency via Getty Images)

I nuovi scontri in corso in Medio Oriente tra Israele, Hamas di Gaza e palestinesi a Gerusalemme rappresentano insieme, come sempre nella millenaria città, cronache di giornata e ancestrali problemi storici, violenze militari e di piazza, camarille politiche che da lontano, con astuzia, sfruttano le rauche passioni di strada. Hamas ha bombardato con una cinquantina di razzi, secondo il quotidiano Usa Washington Post d’intesa con gruppi jihadisti, colpendo dentro Israele come non accadeva da tempo, dopo che la polizia israeliana aveva ferito centinaia di palestinesi, che protestavano per gli sfratti nel quartiere della moschea di al-Aqsa, area sacra sia a musulmani che ebrei. Il comando militare di Israele ha ordinato una rappresaglia aerea, secondo il portavoce Jonathan Conricus, per “dare una lezione ad Hamas”. Da Gaza, il Ministero della Salute denuncia adesso 20 morti, tra cui nove bambini, e 65 feriti nei bombardamenti, mentre un civile israeliano è rimasto ferito da un missile antitank, non lontano dal confine. Il premier di Israele, Benjamin Netanyahu, sostiene “Non tollereremo attacchi sul nostro territorio, sulla capitale, i cittadini i soldati. Chi lo fa pagherà” e fonti militari lasciano presagire nuovi raid.

A innescare il conflitto, nelle ultime due settimane, le manifestazioni di militanti israeliani, spesso arrivati dalle colonie del West Bank, nelle zone palestinesi di Gerusalemme, con risse, vandalismi, slogan “Morte agli arabi”. Lo sfratto comunicato a numerose famiglie palestinesi a Est Gerusalemme, nel quartiere Sheikh Jarrah, riaccende la tensione, mai del tutto spenta. La zona è denominata in ricordo dello Sceicco Jarrah, leggendario medico del Saladino, nel XIII secolo, che sarebbe sepolto nei pressi, e a lungo è stata abitata dalla borghesia araba, con residenti celebri come lo studioso e diplomatico libanese George Habib Antonius o il premio Pulitzer americano Kai Bi...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli