Italia markets open in 5 hours 17 minutes
  • Dow Jones

    30.960,00
    -36,98 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    13.635,99
    +92,93 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.614,68
    -207,61 (-0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,2148
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    26.719,21
    +63,05 (+0,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    655,92
    -20,98 (-3,10%)
     
  • HANG SENG

    29.702,50
    -456,51 (-1,51%)
     
  • S&P 500

    3.855,36
    +13,89 (+0,36%)
     

Il Natale va in rosso. Il costo del Covid è di almeno 10 miliardi

Claudio Paudice
·Giornalista, L'HuffPost
·2 minuto per la lettura
Empty ski lift heading toward the top of the snow-capped mountain lost in the cloud. (Photo: Gwengoat via Getty Images)
Empty ski lift heading toward the top of the snow-capped mountain lost in the cloud. (Photo: Gwengoat via Getty Images)

Piste da sci: tre miliardi di euro. Agriturismi: un miliardo. Un altro miliardo solo per spumanti e vini, cinque per imbandire le megatavolate. Quanto vale il business del Natale? La festa religiosa più importante dell’anno, diventata nel tempo emblema del consumismo più sfrenato, rischia di finire in rosso, colore che sebbene in pendant con il clima dell’Avvento, quest’anno si declina sotto forma di passivo nel conto economico atteso da imprese e commercianti del comparto. Il Governo sta valutando le restrizioni da applicare durante le feste natalizie per evitare una terza risalita dei contagi dopo gli errori commessi in estate, come implicitamente ammesso dal premier Giuseppe Conte: “Rischiamo di ripetere il ferragosto e non ce lo possiamo permettere”. Le attuali norme valgono fino al 3 dicembre.

Lo sfondo sul quale si muove l’esecutivo è lo stesso di Ferragosto, con Governatori, politici locali, sindacati e confederazioni che chiedono di non arrecare ulteriori danni economici a un settore, già fiaccato dalla pandemia, che produce circa un terzo delle sue entrate annuali nel periodo che va dall’Immacolata all’Epifania. Rispetto a qualche mese fa sono cambiate le temperature e il teatro, non più la Sardegna o i litorali estivi ma i crinali delle Alpi e degli Appennini. Il copione è tuttavia lo stesso: il business va salvato o, quantomeno, salvaguardato.

Il Governo sembra fermo nella sua decisione di tenere chiusi gli impianti sciistici, memore anche delle scene degli impianti presi d’assalto a Cervinia il giorno dell’apertura di una stagione sciistica durata l’arco di week end, prima del dpcm del 25 ottobre scorso che ne ha disposto la fine anticipata per Covid. Gli addetti del settore, come tutti, non vogliono pagare il conto della pandemia, che può essere salato. “Il fatturato del turismo invernale sfiora i dieci miliardi di euro, di...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.