Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.930,52
    +116,26 (+0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.197,18
    +198,68 (+1,53%)
     
  • Nikkei 225

    28.633,46
    +391,25 (+1,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2133
    +0,0050 (+0,41%)
     
  • BTC-EUR

    30.134,11
    -38,88 (-0,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    725,71
    +10,52 (+1,47%)
     
  • HANG SENG

    29.642,28
    +779,51 (+2,70%)
     
  • S&P 500

    3.798,91
    +30,66 (+0,81%)
     

Il paesino austriaco Fucking cambia nome: "Stanchi di battute, selfie e furti di cartelli"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
(Photo: MLADEN ANTONOV via Getty Images)
(Photo: MLADEN ANTONOV via Getty Images)

Fucking, villaggio austriaco di 100 anime che deve la sua fama al nome, ne ha scelto un altro: a partire dal primo gennaio del 2021, si chiamerà “Fugging”, secondo quanto ha stabilito nelle scorse ore il consiglio comunale. I cartelli di segnaletica stradale, riportanti il nome della località (che in inglese significa “fottuto”, mentre in tedesco non ha alcun significato, ndr), oltre ad aver fatto da sfondo per selfie, negli anni sono stati regolarmente oggetto di furti. A riportare la notizia è il Guardian.

Andrea Holzner, sindaco di Tarsdorf (il comune a cui appartiene il villaggio situato nella regione occidentale dell’Alta Austria, a nord di Salisburgo, ndr) ha annunciato il provvedimento in interviste con i media locali. “Posso confermare che il villaggio sta cambiando nome”, ha detto il primo cittadino. “Non voglio aggiungere altro: abbiamo avuto già abbastanza frenesia mediatica sull’argomento in passato”, ha proseguito Holzner sulle pagine del quotidiano locale Oberösterreichische Nachrichten (OOeN).

(Photo: ALEXANDER KLEIN via Getty Images)
(Photo: ALEXANDER KLEIN via Getty Images)

Secondo il quotidiano austriaco Die Presse, infatti, gli abitanti del villaggio “ne hanno ormai abbastanza dei visitatori e delle loro brutte battute”. In passato, per impedire il furto dei cartelli stradali riportanti il nome del paesino, i cittadini avevano provveduto a bloccare la parte inferiore del cartello con il cemento.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.