Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.775,43
    -253,88 (-0,82%)
     
  • Nasdaq

    11.028,74
    -149,16 (-1,33%)
     
  • Nikkei 225

    26.393,04
    -411,56 (-1,54%)
     
  • EUR/USD

    1,0485
    +0,0042 (+0,40%)
     
  • BTC-EUR

    18.001,74
    -1.359,39 (-7,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,82
    -26,65 (-6,18%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • S&P 500

    3.785,38
    -33,45 (-0,88%)
     

«Il paradiso delle signore» chiude?

«Il paradiso delle signore» potrebbe avere i giorni contati.

A riferire le ultime indiscrezioni sul futuro dell'amata fiction di Rai 1 è il settimanale Nuovo Tv, secondo le cui fonti, la produzione potrebbe chiudere definitivamente i battenti dopo la prossima stagione.

«La risposta del pubblico a "Sei sorelle" deciderà le sorti de "Il Paradiso delle Signore"», scrive Nuovo Tv.

La soap di Rai 1 ottiene degli ascolti record che nelle ultime puntate hanno superato il 20% di share, ma è anche costosa e per questo la Rai punterebbe su altro.

«Se l'esperimento spagnolo di "Sei sorelle" dovesse ottenere ascolti simili a quelli del Paradiso - prosegue Nuovo Tv -, si rivelerebbe un ottimo investimento: è più conveniente acquistare un prodotto già confezionato piuttosto che produrne uno originale».

«Sei Sorelle» segue le vicende delle sei sorelle Silva Adela, Blanca, Diana, Francisca, Celia ed Elisa che nella Madrid maschilista e patriarcale del 1913 nascondono la morte del padre per poter mandare avanti la fabbrica tessile da lui gestita. La soap, il cui titolo originale è «Seis Hermanas», è andata in onda in Spagna tra il 2015 ed il 2017 e vanta nel cast l'attore Alex Gadea, ovvero Tristan Castro delle prime stagioni de «Il Segreto».

Nel frattempo gli attori de «Il paradiso delle signore» sono pronti al ritorno sul set per girare i nuovi episodi, il primo ciak è previsto per il 30 maggio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli