Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.847,20
    +481,78 (+3,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.788,10
    -23,10 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0057 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8984
    +0,0068 (+0,77%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5539
    +0,0038 (+0,24%)
     

Il petrolio non è riuscito a sviluppare più slancio al rialzo sopra $ 42,50

James Hyerczyk
·3 minuto per la lettura

Video petrolio greggio 06.08.20.

I timori del coronavirus mettono sotto pressione il petrolio

Ieri, il petrolio WTI è riuscito a superare la resistenza a $ 42,50 dopo che l’EIA Weekly Petroleum Status Report ha indicato che le scorte di greggio sono diminuite di 7,4 milioni di barili.

Inoltre, il rapporto ha mostrato che la produzione interna di petrolio degli Stati Uniti è scesa da 11,1 milioni di barili al giorno (bpd) a 11 milioni di bpd. In breve, il rapporto era rialzista e il petrolio aveva significative possibilità di sviluppare un maggiore slancio al rialzo.

Tuttavia, il petrolio ha incontrato una resistenza a 43,50 $ ed è sceso sotto i 42,50 $. Sembra che i trader siano preoccupati per l’impatto negativo della seconda ondata di restrizioni legate al coronavirus.

Mentre nessuno si aspetta che un paese sceglierà di entrare in blocco totale anche se i casi di COVID-19 aumenteranno, restrizioni parziali metteranno sicuramente sotto pressione la velocità della ripresa della domanda di petrolio.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha recentemente affermato che gli Stati Uniti potrebbero avere un vaccino contro il coronavirus prima del 3 novembre 2020. Anche sotto questa ipotesi molto ottimistica, la vaccinazione di massa non sarebbe possibile fino all’inizio del 2021.

È già chiaro che la domanda di viaggi non si riprenderà prima che il mondo abbia un vaccino. In Europa, che è stata duramente colpita dalla prima ondata della malattia, i paesi stanno già attuando varie misure di quarantena.

Con l’ultima mossa, la Svizzera ha introdotto una quarantena di 10 giorni per i viaggiatori di tutti i paesi al di fuori dell’area Schengen con poche eccezioni. Tali misure danneggeranno sicuramente la domanda di petrolio, quindi i commercianti di petrolio probabilmente rimarranno nervosi fino a quando non verrà sviluppato un vaccino.

L’Iraq promette di effettuare ulteriori tagli alla produzione ad Agosto

L’Iraq ha dichiarato che taglierà la sua produzione di 400.000 barili al giorno in un momento in cui altri membri dell’OPEC + stanno aumentando la loro produzione.

In precedenza, l’Iraq è stato uno dei paesi che non è riuscito a tagliare la sua produzione in linea con l’accordo originale OPEC +. L’Arabia Saudita ha esercitato pressioni significative sui ritardatari per renderli conformi all’accordo.

Questa pressione ha prodotto risultati poiché l’Iraq è stato costretto a continuare i tagli alla produzione in agosto, nel timore che l’Arabia Saudita fornisse petrolio ai suoi clienti a prezzi inferiori nel caso in cui non avesse rispettato i termini dell’accordo originale.

Questa è una buona notizia per il mercato petrolifero poiché i tagli alla produzione irachena renderanno più agevole la transizione dai livelli di produzione precedenti.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: