Italia markets close in 3 hours 12 minutes
  • FTSE MIB

    19.155,18
    +69,23 (+0,36%)
     
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.474,27
    -165,19 (-0,70%)
     
  • Petrolio

    40,30
    +0,27 (+0,67%)
     
  • BTC-EUR

    10.933,62
    +1.604,21 (+17,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    260,37
    +15,48 (+6,32%)
     
  • Oro

    1.914,90
    -14,60 (-0,76%)
     
  • EUR/USD

    1,1827
    -0,0039 (-0,33%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     
  • HANG SENG

    24.786,13
    +31,71 (+0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.181,81
    +1,11 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,9029
    +0,0007 (+0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0726
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5561
    -0,0019 (-0,12%)
     

Il petrolio scivola mentre Trump risulta positivo per il coronavirus

Vladimir Zernov
·2 minuti per la lettura

Video petrolio greggio 02.10.20.

Le preoccupazioni per l’impatto del coronavirus si intensificano mentre il presidente degli Stati Uniti Donald Trump risulta positivo per COVID-19

Il petrolio WTI ha continuato la sua mossa al ribasso dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha riferito che lui e sua moglie erano risultati positivi al coronavirus.

La notizia ha esercitato una pressione significativa sui mercati mondiali, preoccupati che la situazione possa evolversi in modo negativo, portando a disordini in vista delle elezioni presidenziali statunitensi.

La Casa Bianca ha dichiarato che Donald Trump stava lavorando dall’isolamento. Questa affermazione ha calmato un po ‘i mercati, ma il petrolio è rimasto sotto pressione materiale.

Sebbene questo sviluppo abbia creato una significativa incertezza in vista delle elezioni statunitensi, ha anche ricordato che la pandemia è tutt’altro che finita e anche il presidente degli Stati Uniti può contrarre il coronavirus.

Negli ultimi giorni, i commercianti di petrolio erano preoccupati per la prospettiva di una seconda ondata di misure di contenimento del virus in Europa. A questo punto, nessun paese ha seguito l’esempio di Israele e non sono stati annunciati blocchi.

Tuttavia, ulteriori misure di contenimento del virus possono esercitare pressione sulla domanda di petrolio anche senza blocchi a livello nazionale e il test positivo di Trump evidenzia questo rischio.

Per quanto tempo l’OPEC può mantenere l’accordo sul taglio della produzione?

Ieri abbiamo discusso gli ultimi dati che indicavano che la produzione OPEC è aumentata di 160.000 barili al giorno (bpd) a settembre.

Anche le esportazioni dell’OPEC sono aumentate da 17,53 milioni di barili al giorno ad agosto a 18,2 milioni di barili al giorno a settembre, quindi l’organizzazione ha immesso più petrolio sul mercato mondiale in un momento in cui la ripresa della domanda ha iniziato a rallentare.

Se la produzione libica continua a riprendersi e mette più pressione sui prezzi del petrolio, i membri dell’OPEC + potrebbero avere maggiori difficoltà a raggiungere il consenso sul ritmo dei tagli alla produzione nei prossimi incontri.

Molti paesi OPEC + si trovano ad affrontare carenze di bilancio sostanziali e vorrebbero aumentare la produzione per aumentare i loro ricavi petroliferi. Per ora, la paura di spingere i prezzi del petrolio al di sotto del livello di $ 30 ha impedito loro di barare sui tagli alla produzione. Tuttavia, resta da vedere per quanto tempo durerà la conformità se i prezzi del petrolio diminuiranno e eserciteranno ulteriori pressioni sui bilanci dei produttori di petrolio.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: