Italia markets close in 6 hours 47 minutes
  • FTSE MIB

    24.196,91
    -44,44 (-0,18%)
     
  • Dow Jones

    33.597,92
    +1,58 (+0,00%)
     
  • Nasdaq

    10.958,55
    -56,34 (-0,51%)
     
  • Nikkei 225

    27.574,43
    -111,97 (-0,40%)
     
  • Petrolio

    72,90
    +0,89 (+1,24%)
     
  • BTC-EUR

    16.029,12
    -122,59 (-0,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    394,92
    -7,11 (-1,77%)
     
  • Oro

    1.794,60
    -3,40 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,0495
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    3.933,92
    -7,34 (-0,19%)
     
  • HANG SENG

    19.450,23
    +635,41 (+3,38%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.924,26
    +3,36 (+0,09%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0017 (+0,20%)
     
  • EUR/CHF

    0,9886
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4352
    +0,0008 (+0,06%)
     

Il piccolo è stato immediatamente ricoverato all'ospedale di Vicenza

I carabinieri hanno denunciato il genitore del bimbo
I carabinieri hanno denunciato il genitore del bimbo

Dramma sfiorato in provincia di Vicenza, dove un bambino di 2 anni rischia una overdose ed ingerisce hashisc: viene denunciato il padre. Il piccolo è stato immediatamente ricoverato in ospedale dopo che aveva  ingerito dell’hashish lasciato del tutto incustodito nella camera da letto dal padre. Padre che con la sua compagna e dopo essersi accorto del fatto, ha provveduto a condurre a razzo il figlio al pronto soccorso di Arzignano.

Bambino di 2 anni ingerisce hashisc

L’uomo, un 51enne di Valdagno, è stato denunciato alla Procura della Repubblica competente e sul suo capo grava una seria ipotesi di reato per di lesioni colpose a contare il rischio che ha corso suo figlio. I medici che avevano preso in carico lo stato di salute della piccola vittima avevano anche allertato i  carabinieri della compagnia di Valdagno. Il bambino aveva avuto un malore cagionatogli dalla droga  e nel corso della nottata era stato trasferito presso l’ospedale di Vicenza.

Il malore ed il trasferimento

Gli operanti che sono intervenuti hanno accertato che il genitore indagato aveva aveva “lasciato incustodito all’interno della camera da letto dello stupefacente che era stato poi ingerito accidentalmente dal figlioletto nel corso della serata. Le sue condizioni non sarebbero gravi”, lo riporta il Giornale di Vicenza.