Italia markets close in 6 hours 36 minutes
  • FTSE MIB

    25.336,18
    +20,61 (+0,08%)
     
  • Dow Jones

    33.945,58
    +68,61 (+0,20%)
     
  • Nasdaq

    14.253,27
    +111,79 (+0,79%)
     
  • Nikkei 225

    28.874,89
    -9,24 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    73,43
    +0,58 (+0,80%)
     
  • BTC-EUR

    28.457,11
    +1.752,94 (+6,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    812,49
    +18,17 (+2,29%)
     
  • Oro

    1.783,30
    +5,90 (+0,33%)
     
  • EUR/USD

    1,1940
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.246,44
    +21,65 (+0,51%)
     
  • HANG SENG

    28.817,07
    +507,31 (+1,79%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,97
    -13,16 (-0,32%)
     
  • EUR/GBP

    0,8543
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0964
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4665
    -0,0028 (-0,19%)
     

Il Prezzo dell’Oro Guarda a 1.900 $ ma il Livello Psicologico Resiste Ancora!

·2 minuto per la lettura

Il prezzo dell’Oro è stato scambiato leggermente in rialzo dopo essere sceso dello 0,37% un giorno fa, poiché l’indebolimento dei rendimenti del Tesoro e un dollaro USA più debole hanno aumentato l’attrattività della commodity. Inoltre, l’indice dei prezzi alla produzione (PPI) cinese è salito al 9,0% a maggio, un livello che non si vedeva dal 2008, superando anche una previsione di base dell’8,5%. Il PPI misura la variazione dei prezzi all’ingresso della fabbrica, fungendo così da indicatore principale per il CPI poiché i produttori possono trasferire costi di produzione più elevati ai consumatori finali.

L’ indice ufficiale dei prezzi al consumo (CPI) cinese è arrivato all’1,3% su base annua a maggio, un notevole aumento rispetto alla lettura di aprile dello 0,9%, ma al di sotto delle aspettative di mercato dell’1,6%.

Le pressioni cinesi sui prezzi dei beni e l’inflazione USA in aiuto del prezzo dell’Oro?

Le crescenti pressioni sui prezzi potrebbero continuare a sostenere il prezzo dell’Oro, che è ovviamente percepito come una il bene di rifugio per eccellenza e una copertura contro l’inflazione.

Guardando al futuro, gli investitori sono in attesa dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti di giovedì 10 giugno alla ricerca di indizi sull’aumento dei livelli dei prezzi negli Stati Uniti e sulle loro ramificazioni per la politica monetaria della FED. Si ricorda che l’inflazione primaria degli Stati Uniti si è attestata al 4,7% su base annua a maggio, raggiungendo il livello più alto dal 2008.

Un dato in linea con le previsioni potrebbe portare comunque un’alta volatilità del mercato, in particolare per azioni, forex e metalli preziosi. Invece, una lettura superiore al previsto può rafforzare i metalli preziosi, ma può anche alimentare paure assottigliate e minare i loro guadagni. Questa dinamica mista rende il prezzo dell’oro fortemente vulnerabile a una maggiore volatilità durante e dopo i dati.

Uno sguardo al grafico

Al momento della scrittura il prezzo dell’Oro quota a 1889,83 $, in procinto di iniziare una decisa fase ribassista.

Sicuramente il dato sull’inflazione di domani darà la spinta necessaria per lo short e iniziare ad impostare una strategia operativa (salvo dati fortemente discostanti alle previsioni); il primo target ribassista è posto a 1855,54 $, mentre la fine dell’Onda 4 (la nuova tendenza) presumibilmente sarà nei pressi del 50/61.8 di Fibonacci: tra 1836,60 $ e 1817,66 $.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli