Italia markets close in 5 hours 30 minutes
  • FTSE MIB

    27.345,34
    +226,60 (+0,84%)
     
  • Dow Jones

    34.156,69
    +265,67 (+0,78%)
     
  • Nasdaq

    12.113,79
    +226,34 (+1,90%)
     
  • Nikkei 225

    27.606,46
    -79,01 (-0,29%)
     
  • Petrolio

    78,03
    +0,89 (+1,15%)
     
  • BTC-EUR

    21.560,69
    +1,92 (+0,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    534,35
    +8,40 (+1,60%)
     
  • Oro

    1.893,70
    +8,90 (+0,47%)
     
  • EUR/USD

    1,0749
    +0,0018 (+0,17%)
     
  • S&P 500

    4.164,00
    +52,92 (+1,29%)
     
  • HANG SENG

    21.283,52
    -15,18 (-0,07%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.237,97
    +28,66 (+0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8885
    -0,0016 (-0,18%)
     
  • EUR/CHF

    0,9878
    -0,0010 (-0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4373
    +0,0008 (+0,06%)
     

Il primo trattato globale sulla plastica è un passo più vicino

Intere spiagge di quelle che un tempo molto lontano erano isole incontaminate sono oggi ricoperte da rifiuti. L'industria della plastica sta attraversando una vera e propria crisi. È un dato di fatto per gli oltre duemila esperti che questa settimana hanno partecipato alla prima riunione del Comitato intergovernativo di negoziazione (INC-1) a Punta del Este, Uruguay. Una località, nota per le sue spiagge, scelta non a caso dal Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente.

L'obiettivo di questi incontri è chiaro: sviluppare uno strumento giuridicamente vincolante a livello internazionale contro l'inquinamento da plastica. "C'è molto da fare qui. Dobbiamo eliminare e sostituire gli articoli di plastica che creano problemi e che non sono necessari", spiega Inger Andersen, direttrice esecutiva del Programma Ambiente delle Nazioni Unite. "Dobbiamo garantire che i prodotti di plastica siano progettati per essere riutilizzabili, riciclabili o compostabili, ove possibile. Dobbiamo gestire la plastica che non può essere riutilizzata e assicurarci che si parli di alternative di riduzionem lungo tutta la catena di produzione".

A questo primo vertice hanno partecipato delegati di oltre 150 Paesi, rappresentanti dell'industria della plastica, ambientalisti, scienziati, raccoglitori di rifiuti, capi tribù e altre persone colpite direttamente dall'inquinamento. Alcuni Paesi hanno fatto pressione per ottenere mandati uguali per tutti, altri perché vengano prese soluzioni a livello nazionale.

Se alla fine dei cinque incontri previsti nei prossimi due anni verrà adottato un accordo, si tratterà del primo trattato globale giuridicamente vincolante per combattere l'inquinamento da plastica.