Italia markets open in 3 hours 44 minutes
  • Dow Jones

    33.815,90
    -321,41 (-0,94%)
     
  • Nasdaq

    13.818,41
    -131,81 (-0,94%)
     
  • Nikkei 225

    28.983,31
    -204,86 (-0,70%)
     
  • EUR/USD

    1,2026
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    41.579,55
    -2.772,73 (-6,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.135,42
    -107,64 (-8,66%)
     
  • HANG SENG

    29.041,70
    +286,36 (+1,00%)
     
  • S&P 500

    4.134,98
    -38,44 (-0,92%)
     

Il risparmio gestito continua a crescere in Italia: +2,1 miliardi nel mese di febbraio

Redazione
·2 minuto per la lettura
Il risparmio gestito continua a crescere <br />in Italia: +2,1 miliardi nel mese di febbraio
Il risparmio gestito continua a crescere
in Italia: +2,1 miliardi nel mese di febbraio

Raccolta netta positiva secondo i dati di Assogestioni, il patrimonio complessivo in gestione a febbraio è di 2.416,5 miliardi di euro. Bene i fondi azionari, soffrono bilanciati e monetari

Raccolta netta positiva, ma in frenata rispetto al mese precedente, per il risparmio gestito a febbraio. Secondo i dati della mappa pubblicata da Assogestioni, la raccolta netta è cresciuta di 2,1 miliardi di euro a febbraio e il patrimonio complessivo in gestione si è attestato a 2.416,5 miliardi di euro.

A GENNAIO MESE RECORD

Dati che fotografano un settore in espansione, anche se rispetto ai record del mese di gennaio è stata registrata una frenata. A gennaio, infatti, la raccolta netta era stata di 12,5 miliardi di euro, mentre le masse complessive in gestione erano state di 2.424 miliardi di euro. A febbraio, dunque, il patrimonio in gestione, complice le performance dei mercati, è sceso di 7,5 miliardi di euro.

(Fonte: Assogestioni)

LE GESTIONI

In evidenza, scorrendo i dati della mappa Assogestioni, le masse delle gestioni collettive, che toccano quota 1.211 miliardi (da 1.207), mentre le gestioni di portafoglio calano a 1.205 miliardi (da 1.216,4). Flussi positivi per le gestioni collettive a febbraio per 2,2 miliardi di euro (5,1 miliardi a gennaio) spinte dai fondi aperti che segnano +2 miliardi (dopo +4,6 miliardi) e con i fondi chiusi a +229 milioni (da +474 milioni).

(Fonte: Assogestioni)

BENE GLI AZIONARI

Guardando alla ripartizione per tipologia di fondi, tra quelli aperti, la preferenza degli investitori è andata agli azionari, che registrano un'accelerata rispetto a gennaio, con flussi positivi per +3,7 miliardi, dopo +1,8 miliardi. Confermato l'appeal dei bilanciati, che chiudono febbraio a +1,2 miliardi, dopo +1,5 miliardi a gennaio. In rosso, invece, il saldo delle sottoscrizioni per i fondi obbligazionari, con -237 milioni dopo +903 milioni di gennaio.

DEFLUSSI PER FLESSIBILI E MONETARI

Nel mese di febbraio hanno accusato deflussi anche i flessibili (-1,25 miliardi dopo -1,4 miliardi). Stessa sorte per i fondi monetari, con un calo pari a 1,5 miliardi di euro. Sotto il profilo della denominazione, per i fondi di diritto italiano febbraio si è chiuso con un saldo di raccolta pari a -322 milioni, dopo -818 milioni a gennaio, mentre i fondi esteri registrano +2,3 miliardi dopo +5,5 miliardi.