Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.158,48
    +259,14 (+0,74%)
     
  • Nasdaq

    15.792,64
    +300,98 (+1,94%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,92
    -467,70 (-1,63%)
     
  • EUR/USD

    1,1283
    -0,0037 (-0,33%)
     
  • BTC-EUR

    51.556,27
    +2.467,70 (+5,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.456,91
    +27,98 (+1,96%)
     
  • HANG SENG

    23.852,24
    -228,28 (-0,95%)
     
  • S&P 500

    4.658,60
    +63,98 (+1,39%)
     

Il ruolo delle banche per invertire il cambiamento climatico: l'analisi di abrdn

·3 minuto per la lettura
Il ruolo delle banche per invertire il cambiamento climatico: l'analisi di abrdn
Il ruolo delle banche per invertire il cambiamento climatico: l'analisi di abrdn

I grandi istituti di credito potrebbero orientare i finanziamenti alle aziende al fine di contrastare il climate change e sfruttare opportunità di investimento

Da qualche tempo, la maggior parte delle più grandi banche del mondo hanno annunciato dei solidi obiettivi Net Zero, con anche delle politiche di disinvestimento e degli obiettivi per migliorare i tassi di finanziamento alle imprese sostenibili. Parecchi istituti sono attivi nell’emissioni di green bond, che permettono al capitale di essere indirizzato verso progetti e aziende sostenibili. Peccato che dalla firma dell'Accordo di Parigi nel 2015, il finanziamento dei combustibili fossili da parte delle banche è aumentato fino ad essere superiore nel 2020 rispetto al 2016.

TRANSIZIONE ENERGETICA GLOBALE

“Il finanziamento della transizione climatica offre un enorme potenziale di crescita. Basti pensare che si stima che una transizione energetica globale richieda dai 3.000 ai 5.000 miliardi di dollari all'anno di finanziamenti” tiene a precisare Andrew Fraser, Head of Research, Financials and Fixed Income di abrdn, che poi aggiunge: “Crediamo che il nostro ruolo sia quello di incoraggiare le grandi banche a prendere parte a questa opportunità unica”.

100 AZIENDE RESPONSABILI DEL 70% DELLE EMISSIONI GLOBALI

Nel mondo 100 aziende sono responsabili del 70% delle emissioni globali e le banche che finanziano la loro attività hanno il potere di guidare il cambiamento. “Abbiamo ideato un piano d'azione da condividere con le banche in cui investiamo, o che ci interessano. Delle 23 banche globali esaminate in base a vari fattori quelle che evidenziano i piani più chiari sono Barclays, HSBC e RBS mentre Bank of China e la banca francese BFCM sono in ritardo” riferisce Fraser.

IMPRONTA DI CARBONIO

Nell’analisi di abrdn risulta che solo sette banche dichiarano esplicitamente la loro impronta di carbonio per la maggior parte delle emissioni finanziate, dalle attività bancarie e di investimento. “I nostri risultati, aggiornati al 30/6/2021, mostrano che 13 banche (su un campione di 23 banche globali) hanno un obiettivo Net Zero entro il 2050 che include le emissioni che finanziano. Tuttavia, solo tre di questi istituti hanno un obiettivo intermedio: in assenza di chiari target intermedi, è difficile vedere il percorso verso lo zero netto” commenta il manager di abrdn.

AZIENDE CHE FORNISCONO SOLUZIONI PER IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Per Fraser ogni grande banca dovrebbe pubblicare un'ambiziosa strategia a livello di gruppo sul cambiamento climatico, ma ammette che al momento solo cinque istituti hanno il cambiamento climatico come punto permanente nell' agenda del Consiglio di amministrazione. “I finanziatori devono includere considerazioni sul clima in ogni aspetto del processo di allocazione e guardare sia all'esclusione negativa, non finanziando gli emettitori di gas serra, sia all'inclusione positiva, prestando alle aziende che forniscono soluzioni per il cambiamento climatico” dichiara il manager.

GLI ESEMPI DI HSBC, NATWEST E LLOYDS

Qualche esempio virtuoso? HSBC si è impegnata a un finanziamento sostenibile tra i 750 e i 1.000 miliardi dollari nei prossimi 10 anni, NatWest nel 2020 ha lanciato il primo "mutuo verde" del Regno Unito che offre tassi di interesse più bassi ai mutuatari per case più efficienti dal punto di vista energetico, mentre Lloyds sta cercando di espandere i suoi prestiti per i veicoli elettrici.

FINANZIARE PROGETTI VERDI

“Le banche retail sono in forte ritardo rispetto ai loro pari aziendali nel quantificare l'impronta di carbonio del loro registro prestiti. Questo rappresenta una nostra preoccupazione chiave. Le grandi banche dovrebbero disinvestire dalle aziende che non miglioreranno la loro sostenibilità. Al contrario dovrebbero finanziare progetti verdi dei clienti che lo faranno, stampando l'impronta di carbonio del loro libro di prestiti e diventando seri e determinati sulla riduzione delle emissioni” conclude l’Head of Research, Financials and Fixed Income di abrdn.

ALTRE NEWS DI FINANCIALOUNGE.COM:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli