Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.868,12
    -178,12 (-0,59%)
     
  • Nasdaq

    12.064,13
    +27,35 (+0,23%)
     
  • Nikkei 225

    26.296,86
    +131,27 (+0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1926
    +0,0030 (+0,25%)
     
  • BTC-EUR

    15.825,58
    -367,94 (-2,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    374,19
    +3,68 (+0,99%)
     
  • HANG SENG

    26.669,75
    +81,55 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    3.625,81
    -9,60 (-0,26%)
     

Il sindaco di Genova ha imposto il coprifuoco ai cittadini

·1 minuto per la lettura
genova sindaco
genova sindaco

A Genova, a partire da martedì 27 settembre, dalle ore 21.00 alle 6.00 del giorno successivo ci sarà una sorta di coprifuoco. Il sindaco Marco Bucci, infatti, ha vietato gli spostamenti senza una valida ragione. I cittadini, dunque, non potranno più passeggiare a piedi nelle vie della città liberamente. Consentiti, invece, gli spostamenti con mezzi pubblici e privati.

L’ordinanza del sindaco

Non si tratta di un coprifuoco – ha spiegato il sindaco di Genova, Marco BucciQuesto deve essere chiaro. L’obiettivo è quello di azzerare le possibilità di assembramento e quindi come già nei giorni scorsi sarà possibile spostarsi per andare a trovare un parente, un amico o per andare a casa o al lavoro, ma non si potrà circolare senza motivo“.

L’obiettivo dell’ordinanza è di evitare ogni genere di assembramento nelle vie di Genova. Proprio per questa ragione le limitazioni riguarderanno soltanto coloro che camminano a piedi. Tutti potranno spostarsi in auto e moto, senza l’utilizzo di una autocertificazione, ad esempio per recarsi a casa di amici e parenti o in un qualsiasi esercizio commerciale. Il sindaco Marco Bucci, inoltre, ha comunicato che nell’ordinanza verrà inserita anche la possibilità di andare a correre da soli.

Un provvedimento abbastanza simile è stato preso nei giorni scorsi a Palermo, dove il primo cittadino Leoluca Orlando ha vietato alla popolazione di stare fermi in piedi nelle vie del centro della città dopo le 21.00 al fine di evitare assembramenti. La popolazione del capoluogo siciliano, tuttavia, in questo caso può tranquillamente transitare nell’area metropolitana, sia a piedi che con i loro mezzi.