Italia Markets closed

Il sottosegretario alla Salute a muso duro contro due ospiti della trasmissione DiMartedì

·1 minuto per la lettura
Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri
Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri

Pierpaolo Sileri non è nuovo a momenti in cui il suo ruolo istituzionale diventa motivo di durezza mediatica, perciò ai no vax e no green pass lo ha detto chiaramente: “Vi renderemo la vita difficile”. A tutti i no vax ed in particolare a due ospiti della puntata di DiMartedì di cui il sottosegretario alla Salute è stato ospite.

Pierpaolo Sileri non fa sconti ai no vax e li attacca in trasmissione

“Vi renderemo la vita difficile, criticano il vaccino, criticano il green pass, criticano il tampone ma poi in trasmissione ci vengono”. E ancora, a bordata continua: “E in televisione è richiesto il green pass o il tampone, per venire in tv la regola viene rispettata”.

“State a casa”: Pierpaolo Sileri si rivolge ai no vax e non green pass presenti in studio

Poi il viceministro affonda. “State a casa. Noi per tutelare gli italiani vi renderemo la vita difficile come stiamo facendo perché il non vaccinato e chi non rispetta le regole è pericoloso”. E Sileri ha avuto anche tempo per una stoccata ai no vax in salsa quirinalizia, fra i quali spicca la deputata no green pass Sara Cunial. Alla Cinial era stato impedito l’accesso al seggio drive in, dove sono ammessi parlamentari positivi o in quarantena.

Il caso Cunial e la stoccata di Pierpaolo Sileri alla deputata no vax. “Fa quasi tenerezza”

Sileri ha chiosato: “Fa quasi tenerezza, le regole rispettate dalla stragrande maggioranza degli italiani sono fondamentali per una democrazia. Gli italiani rispettano le regole anche per andare al bar”. E ancora: “Le regole sono fondamentali per una democrazia, se non segui le regole sei fuori dal sistema”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli