Italia markets close in 4 hours 21 minutes
  • FTSE MIB

    22.032,69
    +330,90 (+1,52%)
     
  • Dow Jones

    29.591,27
    +327,79 (+1,12%)
     
  • Nasdaq

    11.880,63
    +25,66 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    26.165,59
    +638,22 (+2,50%)
     
  • Petrolio

    43,49
    +0,43 (+1,00%)
     
  • BTC-EUR

    16.018,72
    +437,58 (+2,81%)
     
  • CMC Crypto 200

    375,88
    +14,45 (+4,00%)
     
  • Oro

    1.807,60
    -30,20 (-1,64%)
     
  • EUR/USD

    1,1874
    +0,0028 (+0,24%)
     
  • S&P 500

    3.577,59
    +20,05 (+0,56%)
     
  • HANG SENG

    26.588,20
    +102,00 (+0,39%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.502,11
    +39,07 (+1,13%)
     
  • EUR/GBP

    0,8893
    +0,0009 (+0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0836
    +0,0037 (+0,34%)
     
  • EUR/CAD

    1,5488
    +0,0002 (+0,01%)
     

Il target di Gann per lo S&P500 è a portata di mano

Gaetano Evangelista
·2 minuto per la lettura

Si conclude una stagione degli utili radiosa, con un beat rate senza precedenti. Non a caso il rialzo si è allargato a tutte le pieghe del listino azionario, sospingendo diversi indici verso nuovi massimi storici. Tempo di lavorare all'Outlook per il 2021.

Abbiamo assistito ieri ad una seduta apparentemente fotocopia di quella di lunedì 9; soltanto con un finale migliore: con gli indici USA che non hanno ceduto alle vendite, conseguendo nuovi massimi storici in termini di S&P500 e soprattutto Russell 2000. Fra gli indici Dow Jones si confermano sui massimi assoluti l’Industrial ed il Transportation, mentre l’Utility si colloca a poca distanza dal vertice assoluto il cui conseguimento entusiasmerebbe non poco i seguaci della Dow Theory.

L’allargamento del rialzo a tutte le pieghe del listino è fenomeno ormai noto a tutti. Ieri fra le 500 società dello S&P l’Up Volume ha superato il 90% per la seconda seduta di fila: segno di partecipazione corale ben testimoniato dalla sovraperformance degli indici delle medie e piccole capitalizzazioni.

Nel frattempo la stagione ufficiale degli utili volge al termine, con ben l’85% di beat rate. Poco più di un mese fa, le stime degli analisti puntavano ad una contrazione del 21% su base annuale degli EPS operativi; oggi la stima è stata sensibilmente migliorata al -8.2%. Se il contesto esogeno incoraggia, quello endogeno esalta.

Vecchi target finiscono clamorosamente per essere avvicinati, a poche settimane ormai dalla fine dell’anno. Nel nostro Outlook di gennaio si segnalava (pagina 181) una intrigante proiezione di Gann a 3667 punti: il 13.5% in più rispetto al consuntivo 2019. Ora, mancavano appena 40 punti – l’un percento – al conseguimento del target per il 2020. Toccherà mettersi al lavoro, calcolando gli obiettivi successivi prima ancora di iniziare a lavorare al 2021 Yearly Outlook.

Autore: Gaetano Evangelista Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online