Italia markets open in 1 hour 33 minutes
  • Dow Jones

    34.077,63
    -123,04 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    13.914,77
    -137,58 (-0,98%)
     
  • Nikkei 225

    29.092,70
    -592,67 (-2,00%)
     
  • EUR/USD

    1,2064
    +0,0023 (+0,19%)
     
  • BTC-EUR

    45.644,59
    -1.905,70 (-4,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.241,00
    -57,96 (-4,46%)
     
  • HANG SENG

    29.142,56
    +36,41 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    4.163,26
    -22,21 (-0,53%)
     

Il Tesoro manda in pensione i Ctz e li sostituisce con i nuovi Btp Short Term

Antonio Cardarelli
·2 minuto per la lettura
Il Tesoro manda in pensione i Ctz <br />e li sostituisce con i nuovi Btp Short Term
Il Tesoro manda in pensione i Ctz
e li sostituisce con i nuovi Btp Short Term

Giovedì è in programma il primo collocamento dei Btp Short Term, che potranno avere una durata compresa tra i 18 e i 30 mesi e, come i Ctz, non offriranno cedole

Per i Ctz, i certificati del Tesoro zero coupon, è arrivato il momento di andare in pensione. Il Ministero delle Finanze ha infatti annunciato che questa tipologia di titoli di Stato verrà sostituita dai Btp Short Term. Il primo collocamento di questo nuovo titolo è previsto per l’asta di giovedì 25 marzo.

BTP SHORT TERM: COSA SONO

Le caratteristiche dei nuovi Btp Short Term sono state anticipate dal Mef. Si tratta di titoli “in tutto uguali ai Btp nominali”, che non offriranno cedole e il cui rendimento è determinato dallo scarto di emissione, ma che a differenza dei Ctz (che solitamente avevano una durata di 24 mesi) avranno una scadenza compresa tra i 18 e i 30 mesi. Secondo indicazioni del Mef, questi nuovi titoli, così come le riaperture degli stessi, verranno sempre proposti insieme ai BTP€i (i Btp indicizzati all’andamento dell’inflazione) nella prima giornata d’asta del ciclo delle aste di fine mese. I nuovi Btp Short Term vanno a completare la gamma di titoli obbligazionari emessi dallo Stato (illustrata nel dettaglio in questo articolo).

IL COMMENTO DEL MEF

“Con l’introduzione di questi nuovi strumenti, il Mef si propone di contribuire a rendere maggiormente efficiente e liquido il comparto a breve termine dei titoli di Stato, nonché di conseguire ulteriori margini di flessibilità per la gestione del profilo delle scadenze dei prossimi anni”, si legge nella nota diffusa dal Ministero. Per quanto riguarda i Ctz attualmente in circolazione, il Mef fa sapere che “si avvarrà, ove necessario, di tutti gli strumenti di gestione del debito a sua disposizione per garantire il mantenimento di condizioni di ordinato funzionamento delle negoziazioni sul mercato secondario”.

SPREAD IN LEGGERO AUMENTO

Nella seduta di oggi, martedì 23 marzo, lo spread tra BTp e Bund sul mercato secondario Mts dei titoli di Stato ha aperto in leggero rialzo. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (Isin IT0005422891) e il pari durata tedesco ha raggiunto i 97 punti base dai 96 punti della chiusura di ieri.