Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.096,37
    -123,29 (-0,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Il Tribunale Federale svizzero ingiunge alla società della Germania di sanare quella somiglianza

I due tipi di coniglietto comparati
I due tipi di coniglietto comparati

Lidl dovrà “distruggere” i suoi coniglietti di cioccolato perché sono simili a quelli Lindt ed il Tribunale Federale svizzero ingiunge alla società della Germania di sanare quella somiglianza. Il sunto è che i coniglietti di cioccolato Lidl non saranno più commercializzati in punto di diritto, la loro somiglianza con quelli Lindt è troppo evidente e gli omologhi vanno protetti nella loro specificità delineata. Ecco perché, come spiega Fanpage, “gli animaletti avvolti nella carta stagnola prodotti dalla Lindt & Spruengli meritano di essere protetti contro le imitazioni”.

Lidl dovrà “distruggere” i suoi coniglietti

E di fatto quelli della Ldl sono delle imitazioni, quindi è stato ingiunto al discount tedesco  di interrompere la vendita della sua versione e di “distruggere tutte le scorte rimanenti”. La querelle giudiziaria andava avanti da un anno e vedeva l’azienda tedesca citata in giudizio per  “violazione del marchio”.

“Protezione del marchio contro la concorrenza”

Ecco uno stralcio del pronunciamento: “Il coniglio di cioccolato di Lindt & Sprüngli avvolto in un foglio di alluminio (dorato o in un altro colore) può rivendicare la protezione del marchio contro il prodotto concorrente di Lidl”. Ergo, per la corte, “Lidl non può più vendere il suo coniglio a causa del rischio di confusione”. Ed era stato proprio un sondaggio dell’azienda elvetica a “dimostrare” che c’era un rischio oggettivo per i consumatori dei punti vendita di fare confusione su  due prodotti uno dei quali dal 2001 ha un marchio legalmente tutelato.