Italia markets open in 4 hours 8 minutes
  • Dow Jones

    33.815,90
    -321,41 (-0,94%)
     
  • Nasdaq

    13.818,41
    -131,81 (-0,94%)
     
  • Nikkei 225

    28.983,31
    -204,86 (-0,70%)
     
  • EUR/USD

    1,2028
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    41.474,90
    -4.117,27 (-9,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.128,60
    -114,45 (-9,21%)
     
  • HANG SENG

    29.023,97
    +268,63 (+0,93%)
     
  • S&P 500

    4.134,98
    -38,44 (-0,92%)
     

Il trinceramento dei negazionisti pro-lockdown

Francesco Simoncelli
·8 minuto per la lettura

Daniela Lamas, un medico presso il Brigham and Women Hospital, ha scritto un articolo terrificante sul Washington Post. Riguarda i casi di malattia non-Covid nel suo ospedale. Ci sono americani anziani che muoiono di malnutrizione, giovani che si ubriacano a morte, altri con tumori che avrebbero potuto essere curati se non avessero saltato visite mediche per un anno intero e overdose per droga che battono tutti i record.

L'articolo è un campanello d'allarme per coloro che finora si sono rifiutati di riconoscere che c'è di più per la salute pubblica rispetto all'evitare il SARS-CoV-2. Una buona salute pubblica si occupa dell'intera gamma di minacce al benessere umano. Come ha affermato l'epidemiologo Martin Kulldorff: "La salute pubblica riguarda tutte le sfaccettature della stessa, non solo una singola malattia come il Covid-19. È importante considerare anche i danni causati dalle misure di salute pubblica".

C'è solo un problema con il pezzo sul WaPo: non incolpa mai i lockdown, anche se l'autrice descrive in dettaglio tutte le conseguenze devastanti di queste politiche. È fin troppo attenta nella sua spiegazione:

Anche se abbiamo sempre saputo che il costo di questa epidemia sarebbe stato maggiore del numero dei morti, solo ora stiamo iniziando a capire la sua vera entità. In quella che potrebbe essere l'ultima ondata, ci troviamo a curare pazienti che hanno evitato il virus solo per soccombere alle sue numerose conseguenze indesiderate: dipendenza, malattie non trattate e disperazione.

Non è stata l'epidemia a causare queste cose, ma le misure imposte dai governi in risposta. Sicuramente lo sa, infatti un agente patogeno da solo con un impatto demografico così limitato non può causare una tale devastazione. La colpa è degli "interventi non farmaceutici" che hanno bloccato le persone fuori dai loro luoghi di lavoro, scuole, ospedali e chiese, distruggendo la vita di miliardi di persone in tutto il mondo.

"La lunga ombra di questa malattia è ovunque", scrive. È una lunga ombra, certo, ma l'ombra appartiene principalmente alla politica dei governi e, in parte, al panico alimentato dall'isteria dei media che ha portato le persone ad accettare violazioni massicce dei loro diritti e delle loro libertà.

Questo articolo è solo un esempio tra molte migliaia di negazionismo pro-lockdown.

Perché i principali organi di stampa continuano questo gioco retorico?

Pensate a questi titoli:

  • La pandemia ha causato cambiamenti, interruzioni per i programmi di trattamento della droga, tribunali specializzati

  • L'OMS afferma che la pandemia ha causato più "traumi di massa" rispetto alla seconda guerra mondiale

  • La pandemia ha causato $220 miliardi di tagli ai dividendi globali nel 2020

  • La pandemia ha causato un impatto economico e umano "sbalorditivo" nel sud del mondo

  • La pandemia ha causato un calo del 10% nelle iscrizioni ai college

  • La pandemia ha causato drammatiche perdite di posti di lavoro

  • La pandemia di Covid-19 ha causato un aumento allarmante delle malattie mentali in tutto il mondo

  • La pandemia ha causato l'anno peggiore per l'economia degli Stati Uniti sin dal 1946

  • La pandemia ha causato una crisi nell'assistenza all'infanzia?

  • Come la pandemia può innescare la depressione

  • L'anno perduto: quanto è costata ai giovani la pandemia

Più migliaia di altri. Il colpevole più evidente al mondo è ovviamente il New York Times, il quale pubblica diversi articoli al giorno che evitano di nominare il vero responsabile, con analisi come questa:

La ricerca ha dimostrato che parte dell'impatto sproporzionato sulle donne è stato determinato dalla necessità di prendersi cura dei figli durante la pandemia, una circostanza che spesso non è inclusa nel tasso di disoccupazione ufficiale, che rappresenta solo le persone in cerca di lavoro.

I dati nell'articolo sono solidi. Il problema è l'inferenza causale. È sempre l'epidemia e mai le chiusure forzate, anche se abbiamo molti dati da stati aperti & chiusi per dimostrare che l'intero aspetto economico/sociale/medico è giustificato non dall'esistenza di un germe ma dal trattamento brutale delle persone e dei loro diritti da parte dello stato.

Ezra Klein utilizza quello che ora è un tema alquanto prevedibile, quando si preoccupa di cosa ha fatto il coronavirus ai bambini e se quest'anno sarà un trauma che segnerà una generazione modificando radicalmente le sue vite. Come è cambiata la socializzazione per i più piccoli, come mio figlio di 2 anni? Che cosa ha significato per i bambini che non possono andare a scuola vedere i loro genitori perdere il lavoro, o perdere membri della famiglia da soli in un ospedale? Come li aiutiamo? Come facciamo a capire cosa hanno passato, soprattutto quando non possono dircelo?

Devo davvero sottolineare per l'ennesima volta che il rischio di gravi esiti del virus per i bambini si avvicina allo zero? Sicuramente lo sanno tutti ormai. Il trauma infantile è scioccante come argomento da trattare, ma non è opera del coronavirus. Sono state le chiusure delle scuole, l'isolamento obbligatorio, il mascheramento forzato, il messaggio persistente che loro ed i loro compagni non sono altro che vettori di malattie.

In altre parole, sono i lockdown. Perché non dirlo? Perché continuare con questo tabù?

L'abitudine al diniego del lockdown si estende anche alle pagine del crimine, come quando il NYT riporta la tragica morte di Ayden Wolfe:

Ayden, figlia unica, aveva frequentato la scuola elementare da remoto durante la pandemia, hanno detto i pubblici ministeri, aggiungendo che era rimasta nell'appartamento per mesi senza interazioni di persona con insegnanti, consulenti, o infermieri [...]. Giacalone ha detto che la pandemia ha reso più facile nascondere gli abusi subiti da Ayden.

Un altro scrittore del Times, David Gruski, ha scritto questa frase: "Per troppi lavoratori americani la pandemia ha provocato un uno-due di difficoltà".

È un'affermazione assurda: l'80% dei decessi associati al Covid è di persone con più di 65 anni; al di sotto dei 70 anni la possibilità di morte per infezione è dello 0,05%. Ci si potrebbe aspettare che questo sia di dominio pubblico ormai. Non è il virus a fornire il pugno da uno-due, è la politica dei governi. È sciocco doverlo sottolineare, ma è necessario farlo quando i migliori e più brillanti dei nostri giornalisti evitano con tanta cura il punto.

Evitare questa realtà non può essere un incidente. In un altro pezzo illogico per il Washington Post, il giornalista finge che i lockdown fossero un fatto compiuto, anche se nulla di simile è mai accaduto prima.

"Quel virus, in seguito chiamato SARS-CoV-2, avrebbe lentamente rivelato i suoi segreti e avrebbe proceduto a chiudere gran parte del pianeta", afferma il team di giornalisti, evitando accuratamente l'ovvio fatto che un agente patogeno non ha alcun potere del genere. Non porta armi, non fa rispettare editti, non isola né scuola né imprese e non emette ordinanze di stare a casa. È il lockdown che fa questo e le conseguenze economiche sono state devastanti.

L'ultimo maestro del negazionismo sui lockdown è Bernie Sanders che all'aula del Senato ha detto cose brutalmente vere, ma in qualche modo è riuscito a non dire che è stato il governo a causarle tutte:

È incredibile quello che abbiamo passato in termini di questa terribile pandemia. Il COVID non ha solo causato morti e malattie di massa, ha prodotto un mondo in cui abbiamo sperimentato l'isolamento sociale. Ciò significa che, in tutto il Paese, abbiamo persone anziane rinchiuse da sole nelle loro case. Non possono interagire con i loro nipoti, con i propri figli, con i loro amici. Ci sono giovani che vogliono andare a scuola, che vogliono socializzare, che vogliono uscire, che vogliono fare cose che fanno i giovani. Non possono farlo e non sono stati in grado di farlo nell'ultimo anno, e questo ha portato ad un aumento molto forte delle malattie mentali. Molti americani, giovani, anziani e di mezza età, stanno ora affrontando depressione, disturbi d'ansia, dipendenze. Stiamo assistendo alla crescita di dipendenze e persino di idee suicide. Quindi questo è stato un anno terribile per le persone nel nostro Paese e, di fatto, in tutto il mondo.

L'anno scorso non è stato solo una crisi di salute pubblica, per quanto grave sia stata. La pandemia, come tutti sappiamo, ha portato ad una terribile recessione economica, che ha portato milioni di americani a perdere il lavoro e il reddito; inoltre una piccola impresa su quattro in questo Paese ha dovuto chiudere. È un numero incredibile. Andate in qualsiasi città d'America e vedrete la sua Main Street chiusa. Le aziende fiorenti non esistono più. La disoccupazione reale in questo Paese oggi supera il 10% [...].

Non è solo una crisi di salute pubblica di cui ci dobbiamo preoccupare; non è solo il collasso della nostra economia di cui ci dobbiamo preoccupare; è ciò che sta accadendo ai nostri giovani, perché la pandemia ha creato un enorme sconvolgimento nel nostro sistema educativo, dalla culla fino all'età adulta. La maggior parte dei nostri giovani ha visto l'istruzione interrotta. Pensate a tutte le implicazioni di ciò: è probabile che centinaia di college in America, che stavano lottando prima della pandemia, cesseranno di esistere.

Il mio collega Phil Magness ha fatto di tutto per dimostrare che tutto ciò che giustamente sottolinea è riconducibile alle politiche d Autore: Francesco Simoncelli Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online