Italia markets close in 2 hours 42 minutes
  • FTSE MIB

    22.096,86
    +395,07 (+1,82%)
     
  • Dow Jones

    29.591,27
    +327,79 (+1,12%)
     
  • Nasdaq

    11.880,63
    +25,66 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    26.165,59
    +638,22 (+2,50%)
     
  • Petrolio

    43,68
    +0,62 (+1,44%)
     
  • BTC-EUR

    16.138,24
    +557,11 (+3,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    378,49
    +17,06 (+4,72%)
     
  • Oro

    1.802,60
    -35,20 (-1,92%)
     
  • EUR/USD

    1,1871
    +0,0025 (+0,21%)
     
  • S&P 500

    3.577,59
    +20,05 (+0,56%)
     
  • HANG SENG

    26.588,20
    +102,00 (+0,39%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.506,25
    +43,21 (+1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8902
    +0,0017 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0827
    +0,0027 (+0,25%)
     
  • EUR/CAD

    1,5515
    +0,0029 (+0,19%)
     

Il vaccino Covid sarà disponibile solamente per un italiano su quattro

Redazione
·2 minuto per la lettura
Il vaccino Covid sarà disponibile <br />solamente per un italiano su quattro
Il vaccino Covid sarà disponibile
solamente per un italiano su quattro

Facendo i calcoli sulle prime 200 milioni di dosi opzionate dall'Unione europea, l'Italia riceverà 37 milioni di dosi con la prima tranche, che basteranno a vaccinare meno di 14 milioni di persone

L’Unione europea, come annunciato da Ursula von der Leyen, ha opzionato 200 milioni di dosi del vaccino anti-Covid 19 messo a punto da Pfizer e BioNtech. La ripartizione tra i vari paesi avverrà a seconda della popolazione, quindi all’Italia toccheranno – nella prima tranche in arrivo a gennaio – 27 milioni di dosi, pari al 13,51% del totale. Considerando che il vaccino prevede una doppia somministrazione, la prima tranche di vaccini basterà a coprire poco meno di 14 milioni di italiani, più o meno un italiano su 4.

PRIMA FORNITURA DA 200 MILIONI DI DOSI

Alla prima fornitura di 200 milioni di dosi, secondo quanto stabilito dall’accordo tra Pfizer e Unione europea, potrebbe aggiungersi poi una seconda tranche da 100 milioni di dosi. Tuttavia, basta fare pochi calcoli per capire che la prima parte della fornitura basterà a vaccinare praticamente solo le categorie considerate più a rischio, come personale sanitario e anziani. La speranza, ovviamente, è che arrivino altre dosi sufficienti a coprire una popolazione più ampia.

L’ACCORDO PFIZER-UE

Secondo le indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi, il ministro della Salute Speranza avrebbe raggiunto un accordo con Pfizer per avere una fornitura di vaccini nei primi giorni di gennaio (1,7 milioni di dosi). Più recente, invece, la notizia dell’accordo Pfizer-Ue: "Abbiamo autorizzato un contratto per un massimo di 300 milioni di dosi del vaccino. Negli ultimi mesi, la Commissione europea ha lavorato instancabilmente per garantire dosi di potenziali vaccini. Una volta che questo vaccino sarà il nostro piano è di distribuirlo rapidamente, ovunque in Europa. L'accordo della Commissione Ue con Pfizer-BioNtech è cruciale, gli Stati membri decideranno poi a quale condizioni parteciparvi", ha detto von der Leyen.