Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.688,78
    -30,65 (-0,09%)
     
  • Nasdaq

    15.754,46
    +67,55 (+0,43%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1352
    +0,0079 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    44.656,27
    -663,47 (-1,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.320,82
    +15,70 (+1,20%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.691,93
    +5,18 (+0,11%)
     

Il vino italiano cresce in Cina, Sangiovese e Nebbiolo i più amati

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 nov. (askanews) - Cresce in Cina il vino italiano, anche se ci sono ancora immensi spazi di crescita, visto che rappresenta solo il 10% del vino importato. E se Sangiovese e Nebbiolo sono i vitigni più amati, per i cinesi il vino italiano ha un tannino troppo marcato ed è astringente in bocca: un problema per consumatori che preferiscono la morbidezza e la dolcezza dei vini americani e cileni e l'eleganza di quelli francesi.

A dirlo è una analisi di Vinehoo, il portale di vendita di vino tra i più utilizzati in Cina, che mette in evidenza alcune delle principali lacune che stanno facendo ritardare l'exploit atteso del vino tricolore in questo importante mercato.

Secondo l'analisi di Vinehoo Piemonte e Toscana sono le due regioni più popolari in Cina e i vini a base di Nebbiolo e Sangiovese i più acquistati e conosciuti. In questo caso il prezzo alto denota qualità e blasone mettendoli al piano dei vini francesi e americani. Tuttavia dal 2020 c'è stata una maggiore attenzione verso vini siciliani, alto atesini e friulani. Il Prosecco, vista la sua amabilità al palato, potrebbe avere un enorme potenziale, così come i vini naturali, ancora un mercato vergine per i consumatori locali che si stanno appassionando adesso a queste dinamiche produttive. L'Etna è invece regione ormai riconosciuta tra gli appassionati.

"Oltre a questo uno dei problemi maggiormente riscontrati è anche l'identità del vino italiano tra troppe denominazioni e varietà di vitigno, che naturalmente generano grandi differenze di stile e di riconoscibilità del vino per il consumatore cinese - spiega Eva Xia, responsabile acquisti del gruppo Vinehoo - ma nonostante tutto in questo momento questi possono anche diventare i fattori di successo per il vino italiano in Cina, serve solo un lavoro continuativo da parte di aziende e consorzi per poter educare il consumatore cinese a questa cultura e alle diversità".

Vinehoo punta sui vini italiani da diversi anni, tanto che nelle vendite sulla piattaforma il vino italiano è il più venduto con una quota del 19,65% (gennaio - giugno 2021, dati interni vendite Vinehoo), mentre i vini francesi sono al 18,51%. L'11 dicembre a Shanghai e il 18 dicembre a Guanzhou il vino italiano sarà al centro dell'attenzione di operatori, esperti e appassionati del settore grazie al tour "Icon Italy", che tocca varie città della Cina mettendo in contatto le cantine partecipanti con operatori e wine lover.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli