Italia markets close in 4 hours 6 minutes
  • FTSE MIB

    24.334,15
    -468,75 (-1,89%)
     
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,98 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,34 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • Petrolio

    64,42
    -0,50 (-0,77%)
     
  • BTC-EUR

    45.951,86
    -1.657,35 (-3,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.494,75
    -66,55 (-4,26%)
     
  • Oro

    1.842,00
    +4,40 (+0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,2171
    +0,0037 (+0,30%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.934,55
    -99,70 (-2,47%)
     
  • EUR/GBP

    0,8602
    +0,0012 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0973
    +0,0040 (+0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,4726
    +0,0043 (+0,29%)
     

Il virus non è stato un affare per i Big Pharma

Virgilio Chelli
·2 minuto per la lettura
Il virus non è stato un affare per i Big Pharma
Il virus non è stato un affare per i Big Pharma

La realizzazione dei vaccini contro il Covid-19 non ha portato benefici alle grandi aziende farmaceutiche, ma ha fatto bene a realtà più piccole come Moderna e BioNTech

Si legge spesso sui giornali e si ascolta dagli ‘esperti’ in tv che la pandemia e i vaccini sarebbero stati una ‘bonanza’ per i colossi farmaceutici che si starebbero arricchendo grazie alla distribuzione in corso di centinaia di milioni di dosi, ma i dati mostrano che non è così, come il grafico qui sotto che mette a confronto i titoli farmaceutici dello S&P 500 (linea blu) con il resto dell’indice (linea nera) nell’ultimo anno.

IL VACCINO NON PAGA I BIG

I titoli farmaceutici raccontano in realtà storie molto diverse a seconda della categoria di appartenenza. Colossi affermati da tempo con un mercato globale, come Pfizer, Astrazeneca e Johnson & Johnson, hanno beneficiato poco o nulla della vendita dei vaccini a prezzi oltretutto calmierati, e nel corso del 2020 i rispettivi titoli hanno segnato in sequenza -0,8%, +0,3% e +7,9%. Questi colossi non avevano bisogno di dimostrare di poter sviluppare un vaccino per imporsi all’attenzione degli investitori e le vendite degli stessi vaccini hanno aggiunto poca roba ai rispettivi mega-fatturati.

MA FA BENE AI PICCOLI

Molto diverso invece il caso di aziende come Moderna e BionNTech, che nell’anno della pandemia sono schizzati con rialzi a tre cifre, rispettivamente di oltre il 400% e del 140%. Le due aziende hanno solo una decina d’anni di attività alle spalle e sono specializzate nello sviluppo di nuovi farmaci con l’impiego delle nuove tecnologie. Per loro il vaccino era il banco di prova per vincere il biglietto d’ingresso sul grandissimo e promettentissimo mercato globale dei farmaci, e per questo hanno incassato il premio degli investitori.