Italia markets open in 39 minutes
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.474,27
    -165,19 (-0,70%)
     
  • EUR/USD

    1,1858
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    10.797,64
    +1.468,24 (+15,74%)
     
  • CMC Crypto 200

    256,73
    +11,84 (+4,84%)
     
  • HANG SENG

    24.757,35
    +2,93 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

Ilva, Uilm: definitivamente rotto qualsiasi dialogo con Mittal

Sen
·1 minuto per la lettura

Roma, 22 set. (askanews) - "E' da ieri che i lavoratori dell'Ilva manifestano con tutta la loro rabbia per denunciare l'insostenibilità che si è venuta a creare ormai da mesi all'interno degli stabilimenti e in particolare in quello di Taranto". LO afferma Rocco Palombella, segretario generale Uilm, che chiede al Governo di intervenire con urgenza. "A loro - aggiunge - va tutto il mio pieno sostegno. La pericolosità degli impianti per l'assenza di manutenzione ordinaria e straordinaria, l'aumento dei lavoratori di manutenzione e di esercizio in cassa integrazione, l'assenza di prospettive per i lavoratori in AS, la sospensione degli interventi di ambientalizzazione, l'aumento delle fermate degli impianti e il mancato pagamento delle retribuzioni dei lavoratori degli appalti, anche questi in gran parte licenziati o in cassa integrazione: tutto questo rende ormai il clima infuocato. Urge una convocazione immediata da parte del prefetto di Taranto e del Governo, la trattativa è ormai attesa dal 9 giugno". "Si è rotto definitivamente qualsiasi rapporto di dialogo e di fiducia con il gruppo industriale franco indiano - prosegue - che, non solo non ha fatto nulla per cercare di rimediare, ma ormai da mesi tiene un comportamento in forte contrasto con tutti: lavoratori, cittadini e un'intera comunità. Cosa aspettano i ministri Patuanelli, Gualtieri e Catalfo? Ora che la campagna elettorale si è conclusa, si può iniziare un serio confronto senza pregiudiziali sul futuro della più grande acciaieria europea? La situazione è ormai insostenibile, continuiamo a chiedere un intervento immediato delle istituzioni per porre fine a una lunga agonia che dura ormai da 8 anni e per dare una prospettiva occupazionale, ambientale, economica e produttiva al nostro Paese".