Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.057,09
    -143,58 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    13.901,77
    -150,57 (-1,07%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2039
    +0,0059 (+0,49%)
     
  • BTC-EUR

    46.335,34
    -138,32 (-0,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.259,41
    -39,55 (-3,04%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.160,15
    -25,32 (-0,60%)
     

Immatricolazioni auto Europa profondo rosso: -21,7% in primi 2 mesi 2021

Fabio Carbone
·3 minuto per la lettura

Le immatricolazioni auto in Europa non riprendono il ritmo, e dopo il pesante -24% di gennaio ecco giungere anche un pesante -19,3% nel mese di febbraio.

A colpire il settore sono le varie misure ancora in vigore in Europa che impediscono o rendono difficili gli acquisti di auto e, lì dove possibile, gli acquirenti si domandano come possono utilizzarla tra il dedalo di misure restrittive che impediscono gli spostamenti.

Nell’Unione Europea a febbraio sono state registrate 771.486 autovetture che rappresenta il peggior risultato dal 2013 (su serie storica febbraio 2011 – febbraio 2021).

L’Italia tra i quattro principali paesi UE è quello che perde meno (-12,3%), mentre la Spagna fa registrare un drammatico -38,4% e la Francia il -20,9%, mentre le immatricolazioni in Germania a febbraio calano del -19%.

Se si sommano i dati delle immatricolazioni auto in Europa dei mesi di gennaio e febbraio, il calo medio è quindi del -21,7% rispetto al medesimo periodo del 2020. Va ricordato, però, che gennaio e febbraio 2020 non sono stati intaccati dalla pandemia.

In Europa tra i maggiori è la Spagna la nazione che soffre più di tutte, il comparto auto vive quasi un dimezzamento delle vendite: -44,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La Germania perde il -25,1% e la Francia il -14,2%, contro il migliore -13,1% dell’Italia.

Immatricolazioni auto Europa. Solo la Svezia positiva

In Europa solo la Svezia della “strategia immunizzazione di gregge” segna nel bimestre un +12,8% rispetto al bimestre 2020, resto dell’UE è in rosso.

La Norvegia è in positivo del +5,4% e tra i paesi EFTA è l’unico, perché la Svizzera sprofonda del -17,5% e l’Islanda del -19,3% nel bimestre gennaio-febbraio rispetto al precedente.

Anche il Regno Unito non se la cava bene. A febbraio di quest’anno ha vissuto un calo del -35,5% e sul bimestre sconta un pesante -38,1%.

Se uniamo EU + EFTA + UK, il totale è un -23,1% nel bimestre di quest’anno; mentre EU14 + EFTA + UK il bilancio negativo è lievemente peggiore (-23,5%).

Immatricolazioni auto: i peggiori in Europa

Nel bimestre gennaio-febbraio 2021, il crollo peggiore nelle immatricolazioni si registra nei seguenti paesi:

  • Portogallo: -47,1%;

  • Lituania: -46,5%;

  • Spagna: -44,1%;

  • Danimarca: -40,1%.

Le migliori società manifatturiere dell’auto in Europa

Tra le migliori società produttrici di auto in Europa troviamo Alpine (parte del gruppo Renault) con una crescita del +57,1%.

Ma fa ancora meglio Smart con un significativo +126,8%. Ed è positiva anche Volvo Car Corp. (+3%), trainata dal mercato interno svedese.

Le peggiori case automobilistiche in Europa

Sul fronte opposto è quasi difficile dire qual è la peggiore casa automobilistica d’Europa in termini di immatricolazioni auto, ma ecco cosa dicono i dati:

Venendo alle altre italiane, Fiat perde il -27,2%, Lancia/Chrysler il -35,1%. L’intero gruppo Stellantis N.V. perde il -23,8% sul totale.

Per quanto riguarda i grandi gruppi automobilistici queste sono le perdite in termini di immatricolazioni:

  • Renault Group: -24,8%;

  • Stellantis: -23,8%;

  • VW Group: -22,6%;

  • Daimler: -16,7%;

  • Ford: -19,2%;

  • BMW Group: -11,6%;

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: