Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.848,58
    -214,97 (-0,93%)
     
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,64 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,92 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    28.966,01
    -1.202,26 (-3,99%)
     
  • Petrolio

    61,66
    -1,87 (-2,94%)
     
  • BTC-EUR

    39.502,78
    +171,08 (+0,43%)
     
  • CMC Crypto 200

    912,88
    -20,25 (-2,17%)
     
  • Oro

    1.733,00
    -42,40 (-2,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2088
    -0,0099 (-0,81%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    -1.093,96 (-3,64%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.636,44
    -48,84 (-1,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8664
    -0,0029 (-0,33%)
     
  • EUR/CHF

    1,0965
    -0,0048 (-0,43%)
     
  • EUR/CAD

    1,5376
    +0,0032 (+0,21%)
     

Impariamo le figure retoriche: onomatopea, antitesi, anacoluto, reticenza, eufemismo, prosopopea

info@wecanjob.it (WeCanJob.it)
·3 minuto per la lettura

Impariamo le figure retoriche: onomatopea, antitesi, anacoluto, reticenza, eufemismo, prosopopea

Possiamo immaginare la nostra lingua come una sinfonia, composta da diverse note e molteplici sfumature di colore. Ogni parola che scegliamo di utilizzare quando comunichiamo, specialmente in un testo scritto, riveste un ruolo decisivo e determina l’impatto e la ricezione del nostro messaggio. Continuando a pensare alla lingua come un insieme di possibilità ed evoluzioni, risulta facile percepire le figure retoriche come mezzi privilegiati per conferire profondità e armonia a un verso o a un periodo. In questo articolo vedremo allora il corretto modo di utilizzare e intendere alcune figure retoriche comuni sia nella poesia che nella prosa. Impariamo a riconoscere l’onomatopea, l’antitesi, l’anacoluto, la reticenza, l’eufemismo e la prosopopea.

Che cos’è l’onomatopea

Iniziamo analizzando una delle figure retoriche più facili da riconoscere proprio perché si basa sul suono. Cos’è l’onomatopea? Qual è la sua precisa definizione? Si tratta di un procedimento linguistico che mira a ricreare attraverso elementi lessicali i suoni che i lemmi utilizzati intendono esprimere. Vediamo qualche esempio:

  • ESEMPIO: Se n’è andato perché non sopportava più il chicchirichì delle galline.

  • ESEMPIO: Finitela di bisbigliare!

Cosa si intende per antitesi

Anche ai meno acculturati sarà capitato di sentire questo termine utilizzato anche in discorsi orali o in conversazioni non troppo formali. La parola “antitesi” è entrata nel linguaggio comune per indicare due elementi, due persone opposte. Ma se la esaminiamo dal punto di vista linguistico, che cos’è l’antitesi? L’antitesi è una figura retorica che consiste nell’accostamento di concetti e parole contrapposte ed è finalizzata a enfatizzare l’entità del contrasto.

  • ESEMPIO: So che non foco, ma ghiaccio eravate (G. Carducci, Illusa gioventù).

  • ESEMPIO: Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi (G. Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo).

Anacoluto: uno strappo alla regola

Questa figura retorica consiste in una deroga alle regole sintattiche della nostra lingua. Quando si parla di licenza poetica, infatti, possono essere ammesse eccezioni a quelli che apparentemente possono sembrare errori grammaticali. Quando si utilizza l’anacoluto, una frase segue la prima, che rimane incompiuta.

  • ESEMPIO: Quelli che muoiono, bisogna pregare Iddio per loro (A. Manzoni, I promessi sposi).

LEGGI ANCHE: Le principali figure retoriche: similitudine, metafora, iperbole, allegoria, metonimia e non solo

Cos'è la reticenza

Siamo giunti a parlare di una figura retorica che interessa ancora una volta il ritmo di un testo o, molto spesso, di una narrazione: la reticenza. Ma che cos’è la reticenza? Questo procedimento linguistico consiste nell’omettere contenuti, notizie, circostanze o elementi che si dovrebbero dire ma che si lasciano solo intendere. Essendo Manzoni maestro nell’utilizzo della reticenza, facciamo un esempio tratto proprio da I promessi sposi:

  • ESEMPIO: E questo padre Cristoforo, so da certi ragguagli che è un uomo che non ha tutta quella prudenza, tutti quei riguardi… (A. Manzoni, I promessi sposi).

Eufemismo: significato

Proprio della lingua poetica ma anche della prosa e del parlato, l’eufemismo è un procedimento linguistico per cui si sostituisce un’espressione con una più attenuata per scrupolo morale, riguardi sociali o altre motivazioni.

  • ESEMPIO: Ieri mio padre se n’è andato. Domani faremo i funerali.

LEGGI ANCHE: Le principali figure retoriche della poesia

La prosopopea

Usata spesso in momenti narrativi ricchi di pathos e intensità, questa figura retorica è molto semplice da individuare. Ma che cos’è la prosopopea? Si parla di prosopopea quando si attribuiscono azioni proprie di esseri animati a oggetti o entità astratte. Famosa, per esempio, è la prosopopea usata da Cicerone nelle Catilinarie, in cui la Patria, offesa dai crimini di Catilina, si rivolge in modo diretto a lui:

  • ESEMPIO: Da diversi anni ormai non s'è verifìcata nessuna azione delittuosa né infamante se non per opera tua… (Cicerone, Le Catilinarie).

La redazione di WeCanJob

Autore: We Can Job. Per approfondimenti su formazione e lavoro visita il sito Wecanjob.it.