Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.288,70
    +247,11 (+1,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    334,39
    -3,11 (-0,92%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1967
    +0,0054 (+0,45%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8989
    +0,0073 (+0,82%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0022 (+0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,5529
    +0,0028 (+0,18%)
     

Imprese: Hannappel (Philip Morris Italia),'con Disc a Taranto completiamo filiera integrata'

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

"Taranto per me è stata una grande sorpresa, una città bellissima, in trasformazione, con tantissime possibilità di sviluppo. Sono convintissimo che è una città che può gestire nuovi business e nuove forme di sviluppo economico come quella che presentiamo oggi: Philip Morris Disc che completa quella che è un po' la nostra filiera integrata in Italia: in agricoltura, in industria e in servizi, sia fisici che digitali". Così Marco Hannappel, presidente e amministratore delegato di Philip Morris Italia, intervendo all’incontro 'Le filiere integrate per il rilancio del Paese', organizzato in collaborazione con The European House - Ambrosetti, e presentando il piano di Philip Morris Italia per l’apertura in Italia del nuovo Digital Information Service Center (Disc), nella città di Taranto.

Hannappel, che ha ringraziato le autorità locali e il vescovo di Taranto per la disponibilità al progetto, ha spiegato che "quando abbiamo cominciato a pensare a un investimento ulteriore in Italia, volevamo espanderci nel terzo settore dell'economia, quello dei servizi, essendo già ben forti in agricoltura e nell'industria, con mille aziende coltivatrici che lavorano con noi attraverso l'accordo con Coldiretti, e 7mila fornitori che lavorano con le nostre sedi di Bologna e Roma". "Abbiamo quindi pensato di fare un investimento ulteriore che completasse la filiera ma che aggiungesse anche valore aggiunto al Mezzogiorno", ha ribadito.

"L'investimento che oggi presentiamo, e sono emozionato nel farlo, è un investimento a tempi di record, dal pensiero all'esecuzione non è passato neanche un anno, con un investimento di 100 mln di euro, con 400 posti di lavoro in Puglia, con innovazione e investimenti non solo in persone ma anche in software che queste persone utilizzeranno, in conoscenze, in sviluppo di competenze sul territorio, e speriamo che sia generatore di ulteriori filiere sul territorio, locale ma anche nazionale, visto che il Disc è per noi un fiore all'occhiello, il più grande centro digitale in Europa di questo tipo", ha concluso.