Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.212,96
    +575,77 (+1,76%)
     
  • Nasdaq

    12.131,13
    +390,48 (+3,33%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    115,07
    +0,98 (+0,86%)
     
  • BTC-EUR

    26.838,42
    -426,56 (-1,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    625,79
    -3,71 (-0,59%)
     
  • Oro

    1.857,30
    +3,40 (+0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,0739
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.158,24
    +100,40 (+2,47%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8497
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0271
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,3655
    -0,0046 (-0,33%)
     

Inaugurata la nuova piattaforma biotecnologica del Crea

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 mag. (askanews) - "Oggi inauguriamo i nuovi laboratori del Centro CREA di Floricoltura a Sanremo: una piattaforma biotecnologica immediatamente operativa per la ricerca e la sperimentazione nel settore florovivaistico. E' una risposta concreta e operativa alle esigenze di uno dei settori più performanti della nostra agricoltura e la dimostrazione che il CREA è sempre più l'infrastruttura di innovazione dell'agroalimentare italiano". Così Stefano Vaccari, direttore generale del Crea, nell'inaugurare la nuova struttura di ricerca per la floricoltura a Sanremo.

La piattaforma tecnologica Crea è costituita da laboratori che hanno la potenzialità di affrontare le tematiche legate allo studio del Dna, del genome editing, dei marcatori molecolari, del risanamento e propagazione in vitro, delle colture di tessuti vegetali e dell'analisi biochimica di metaboliti secondari, molecole utili alla difesa delle piante.

E' stata finanziata dal Mipaaf e da fondi POR FESR di Regione Liguria, rientra nella programmazione regionale di potenziamento delle strutture di ricerca ed è stata scelta come unico polo di biotecnologie vegetali in Liguria. L'insieme dell'offerta di ricerca e servizi potrà attrarre maggiormente l'interesse per collaborazioni nazionali e internazionali su linee di attività strategiche per lo sviluppo della floricoltura nel solco della sostenibilità.

Le attività che saranno sviluppate porteranno, per esempio, alla produzione di basilico resistente alla peronospora con genome editing, alla riduzione dei tempi di immissione sul mercato di nuove varietà floricole, a colture cellulari per la produzione di metaboliti secondari come l'acido rosmarinico, che è un potente antiossidante, e all'individuazione di molecole naturali per la difesa delle piante coltivate.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli