Italia markets open in 7 hours 54 minutes

Incardinata in commissione Finanze Camera Pdl per pace fiscale

Cos

Roma, 30 giu. (askanews) - "Il Paese in enorme difficolt. La crisi economia generata dall'emergenza coronavirus sta soffocando le imprese e facendo soffrire troppe famiglie. Oggi in commissione abbiamo incardinato una proposta di legge che rappresenta un aiuto concreto a chi alle prese con tali e tanti problemi, non un semplice spot. Si tratta della proposta sulla definizione agevolata di imposte, atti di accertamento e riscossione e contenzioso tributario, finalizzata a favorire la ripartenza. Una nuova stagione di pacificazione fiscale tra fisco e contribuente". A dichiararlo Raffaele Trano, presidente della commissione Finanze alla Camera.

Nel decreto Rilancio, attualmente in fase di conversione, prosegue Trano, " previsto che i pagamenti delle rate dovute dal contribuente che ha aderito alla cosiddetta Rottamazione-Ter e per il Saldo e Stralcio siano prorogate fino al 10 dicembre 2020, senza aggravio di interessi e sanzioni, e che la decadenza dal beneficio della rateazione accordata dall'agente della riscossione decada solo se non si sono pagate 10 rate consecutive. Vogliamo andare oltre e fare di pi. La proposta di legge appena incardinata prevede infatti che i titolari di reddito di impresa, gli esercenti arti e professioni, ed i titolari di redditi in forma associata, possano effettuare la definizione automatica dei redditi di impresa e di lavoro autonomo per i quali hanno presentato dichiarazioni entro il 31 dicembre 2018. E sono inclusi anche i titolari di solo reddito agrario e le imprese di allevamento. La definizione automatica, relativamente a uno o pi periodi di imposta, ha effetto ai fini delle imposte sui redditi e delle relative addizionali, dell'imposta sul valore aggiunto e dell'imposta regionale sulle attivit produttive. Un'autoliquidazione da effettuarsi entro il 31 ottobre 2020, che potr dare luogo al pagamento in un'unica soluzione entro il 31 ottobre di quest'anno, con uno sconto del 40%, o mediante rateizzazione nell'arco di cinque anni, con uno sconto del 20% e l'applicazione di un tasso di interesse del 3%, o ancora mediante rateizzazione per venti anni, con l'applicazione di un tasso di interesse del 2%. L'agevolazione prevista inoltre applicabile a diversi altri casi. Le maggiori entrate affluirebbero nell'ambito di un apposito capitolo di spesa del Ministero dell'Economia e delle Finanze e verrebbero destinate all'incremento del Fondo per la riduzione della pressione fiscale istituito con la legge di Stabilit del 2014. Una vera ripartenza possibile. Basta solo volerlo e lavorare per raggiungere tale obiettivo".