Italia markets close in 5 hours 5 minutes
  • FTSE MIB

    24.390,11
    -50,77 (-0,21%)
     
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,16
    +1,92 (+2,49%)
     
  • BTC-EUR

    15.925,70
    +177,69 (+1,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    390,42
    +10,13 (+2,66%)
     
  • Oro

    1.769,00
    +13,70 (+0,78%)
     
  • EUR/USD

    1,0373
    +0,0029 (+0,28%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.940,78
    +5,27 (+0,13%)
     
  • EUR/GBP

    0,8647
    +0,0003 (+0,04%)
     
  • EUR/CHF

    0,9847
    +0,0034 (+0,35%)
     
  • EUR/CAD

    1,3951
    +0,0002 (+0,01%)
     

Incontro Meloni-sindacati, Landini: "Disponibilità a confronto ma nessuna risposta"

(Adnkronos) - ''Sul piano formale il presidente del Consiglio ha dichiarato una grande disponibilità ad un confronto e a strutturarlo sulle varie materie e i vari temi che dovremo affrontare anche per una discussione sul futuro del Paese e le scelte strategiche che devono essere fatte. Ha dichiarato che considera il rapporto con le parti sociali e con le organizzazioni sindacali un rapporto molto importante. Sul piano formale questo è un elemento in cui tutti noi abbiamo dichiarato la nostra piena disponibilità al confronto e avanzare proposte per affrontare i problemi''. Lo sottolinea il leader della Cgil, Maurizio Landini, dopo l'incontro con la presidente del Consiglio.

''Nel merito ad oggi noi risposte non ne abbiamo avute - prosegue però Landini - se non il fatto che la discussione sul decreto aiuti e la legge di bilancio sono gli spazi contenuti nel Dpef e quindi non amplissimi. Siamo dentro ai famosi 30 miliardi''.

''Noi abbiamo ribadito la necessità di avviare delle serie riforme, a partire da quella fiscale - fa sapere il leader Cgil - noi non siamo per la flat tax ma per una riforma fiscale seria che aumenti il netto in busta paga per i lavoratori a partire da redditi più bassi. Siamo per una vera lotta all'evasione fiscale. Siamo contrari alla logica dei condoni. Le risorse oltre i 30 miliardi indicati dal governo, si possono trovare con una vera lotta fiscale e affrontando il tema degli extra profitti".