Italia Markets open in 51 mins

Indice di gradimento, Renzi resta ultimo in classifica dopo la crisi

Gianni Del Vecchio
·Condirettore
·1 minuto per la lettura
Italia Viva party leader Matteo Renzi addresses the Senate prior to a confidence vote on January 19, 2021 at Palazzo Madama in Rome. - Italian Prime Minister Giuseppe Conte pleaded for lawmakers' support on January 19, 2021 as his teetering government faced a confidence vote while it struggles to battle the coronavirus pandemic. The ruling coalition has been on the brink of collapse since former premier Matteo Renzi withdrew his Italia Viva party last week, depriving Conte of his majority in the upper chamber. (Photo by ALESSANDRA TARANTINO / POOL / AFP) (Photo by ALESSANDRA TARANTINO/POOL/AFP via Getty Images) (Photo: ALESSANDRA TARANTINO via Getty Images)
Italia Viva party leader Matteo Renzi addresses the Senate prior to a confidence vote on January 19, 2021 at Palazzo Madama in Rome. - Italian Prime Minister Giuseppe Conte pleaded for lawmakers' support on January 19, 2021 as his teetering government faced a confidence vote while it struggles to battle the coronavirus pandemic. The ruling coalition has been on the brink of collapse since former premier Matteo Renzi withdrew his Italia Viva party last week, depriving Conte of his majority in the upper chamber. (Photo by ALESSANDRA TARANTINO / POOL / AFP) (Photo by ALESSANDRA TARANTINO/POOL/AFP via Getty Images) (Photo: ALESSANDRA TARANTINO via Getty Images)

Matteo Renzi resta ultimo in classifica per indice di gradimento degli italiani. Il sondaggio di Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera mostra come la crisi non abbia portato grande popolarità al leader di Iv anche perché continua a restare altissima la percentuale degli italiani che non capisce il perché della rottura della maggioranza di governo: ben il 42 per cento.

Ecco la classifica dei leader stilata da Ipsos:

L’indice di gradimento del governo (51) è aumentato di due punti in una settimana, più per la capacità di tenuta dell’esecutivo che per provvedimenti specifici adottati, quello per il premier si mantiene stabile a 56. In questa fase tumultuosa il gradimento dei leader fa segnare poche variazioni superiori a un punto percentuale, a partire da Speranza (indice 38, in crescita di 3 punti rispetto a dicembre), il cui apprezzamento solitamente aumenta al crescere della preoccupazione per il Covid. A seguire in graduatoria Giorgia Meloni (35, in crescita di 1) poi, con lo stesso valore (29), Salvini (in calo di 2 punti), Zingaretti (stabile) e Franceschini (+2), quindi Berlusconi (+1) e Calenda (-1), appaiati a 27. Da segnalare l’aumento di 3 punti di Bonafede la cui relazione sulla giustizia verrà votata in parlamento la prossima settimana, presumibilmente non senza tensioni, dopo l’annunciato voto contrario di Iv. Infine, Renzi fa registrare l’aumento di un punto (12), senza tuttavia abbandonare l’ultima posizione.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.