Italia Markets close in 4 hrs 42 mins

Indiscrezioni commerciali, taglio dei tassi della Fed: forte combinazione per le azioni statunitensi

James Hyerczyk

Giovedì, i principali indici azionari statunitensi hanno chiuso in rialzo, aiutati da eventi positivi relativi alle relazioni commerciali USA-Cina. I mercati dei futures puntavano verso un mercato cash in ribasso quando un commento di un funzionario cinese ha spinto in rialzo i mercati azionari globali. Più tardi durante la sessione, il presidente Trump ha reagito con commenti ottimistici, spingendo i mercati azionari statunitensi ai massimi della sessione.

Giovedì, sul mercato cash, l’indice di riferimento S&P 500 si è attestato a 2924,58, in rialzo del 36,64 o + 1,27%. Il chip blu Dow Jones Industrial Average ha chiuso a 26362, in rialzo di 326,15 o 1,29% e il NASDAQ Composite basato sulla tecnologia ha chiuso a 7973,39, in rialzo di 116,51 o 1,53%.

I principali titoli tecnologici con esposizione ai dazi, come Apple Inc., in crescita dell’1,69% e Microsoft, in crescita dell’1,89%, hanno incrementato il settore tecnologico dell’1,73% per il suo miglior giorno dal 16 agosto. I produttori di chip, che ricavano gran parte delle loro entrate dalla Cina, hanno inoltre registrato solidi guadagni, facendo salire l’indice dei semiconduttori di Filadelfia del 2,25%.

Anche i nomi industriali che sono stati fortemente correlati ai progressi delle discussioni commerciali sono aumentati. United Technologies ha guadagnato l’1,77%, mentre i trader di leader come Boeing e Caterpillar sono aumentati dello 0,8% ciascuno, mentre Deere ha chiuso in rialzo del 2,5%.

Commenti positivi dalla Cina impostano il tono

Le azioni hanno iniziato a salire dopo che un funzionario cinese ha dichiarato che l’economica è disposta a risolvere con calma la disputa commerciale con gli Stati Uniti ed è contraria a qualsiasi ulteriore inasprimento delle tensioni, ha detto Gao Feng, portavoce del Ministero del Commercio cinese.

“Rifiutiamo fermamente un’escalation della guerra commerciale e siamo disposti a negoziare e collaborare per risolvere questo problema con un atteggiamento calmo”, ha detto Gao, secondo una traduzione della CNBC delle sue osservazioni in mandarino. Ha osservato che le delegazioni commerciali cinesi e statunitensi hanno mantenuto una comunicazione “efficace”.

“La Cina ha molti mezzi per attuare contromisure, ma nella situazione attuale, la questione che dovrebbe essere discussa in questo momento è sulla rimozione dei nuovi dazi statunitensi su 550 miliardi di dollari di merci cinesi per prevenire l’escalation della guerra commerciale”, ha detto Gao.

La conferma delle trattative commerciali di settembre spinge le azioni ancora in rialzo

Dopo il balzo iniziale dei prezzi poco dopo l’apertura del mercato in contanti, le azioni statunitensi hanno ricevuto una spinta a metà sessione dopo che il presidente Trump ha confermato che i negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina sono in programma per giovedì.

“Abbiamo a che fare con la Cina”, ha dichiarato Trump alla Fox News Brian Kilmeade durante un’intervista al suo programma radiofonico. “Vogliono davvero fare un accordo, e il motivo per cui vogliono fare un accordo è che hanno perso milioni e milioni di posti di lavoro, stanno perdendo migliaia di aziende, quest’ultime stanno lasciando la Cina”.

“Per 25 anni la Cina ha spennato gli Stati Uniti. Lo sai, ne ho parlato molto tempo fa. Questo è uno dei motivi per cui probabilmente sono qui come presidente, sono alla Casa Bianca “, ha detto Trump a Kilmeade.

Quando gli è stato chiesto se fossero previsti dei colloqui con la Cina, Trump ha risposto: “C’è un colloquio previsto per oggi, a un livello diverso”.

Trump ha detto che i colloqui sono in corso, dicendo a Kilmeade: “Abbiamo parlato, continuiamo a parlare”.

Trump afferma di non credere che le tensioni commerciali abbiano un impatto negativo sull’economia degli Stati Uniti.

“Non so se ci sta influenzando, non credo, voglio dire, a parte il fatto che stiamo diventando più ricchi”, ha detto Trump.

Ricapitolando

L’azione di prezzo di giovedì indica che i trader sono un pò più ottimisti su un futuro accordo commerciale e sull’evitare una recessione negli Stati Uniti. Ciò, combinato con la probabilità di un taglio dei tassi di 25 punti da parte della Federal Reserve americana a settembre, dovrebbe essere sufficiente per sostenere almeno il mercato azionario a breve termine.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: