Italia markets close in 5 hours 43 minutes
  • FTSE MIB

    23.953,75
    +77,67 (+0,33%)
     
  • Dow Jones

    31.928,62
    +48,38 (+0,15%)
     
  • Nasdaq

    11.264,45
    -270,83 (-2,35%)
     
  • Nikkei 225

    26.677,80
    -70,34 (-0,26%)
     
  • Petrolio

    111,54
    +1,77 (+1,61%)
     
  • BTC-EUR

    27.877,16
    +253,63 (+0,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    661,95
    +6,13 (+0,93%)
     
  • Oro

    1.856,90
    -8,50 (-0,46%)
     
  • EUR/USD

    1,0677
    -0,0061 (-0,57%)
     
  • S&P 500

    3.941,48
    -32,27 (-0,81%)
     
  • HANG SENG

    20.171,27
    +59,17 (+0,29%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.650,78
    +3,22 (+0,09%)
     
  • EUR/GBP

    0,8529
    -0,0034 (-0,40%)
     
  • EUR/CHF

    1,0277
    -0,0034 (-0,33%)
     
  • EUR/CAD

    1,3698
    -0,0059 (-0,43%)
     

Industria, Istat: fatturato febbraio a massimi dal 2000, +20,9% annuo

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 28 apr. (askanews) - Ancora in aumento a febbraio il fatturato dell'industria in Italia, che segna un nuovo massimo storico. L'Istat stima che al netto dei fattori stagionali sia salito del 2,8% rispetto al mese precedente, con un andamento positivo su entrambi i mercati (+2,5% quello interno e +3,6% quello estero). Nel trimestre dicembre 2021-febbraio 2022 l'indice complessivo è cresciuto del 3,2% rispetto al trimestre precedente (+2,4% sul mercato interno e +4,5% su quello estero).

Nel confronto su base annua, corretto per gli effetti di calendario il fatturato totale è cresciuto del 20,9%, con incrementi del 21,4% sul mercato interno e del 20,2% su quello estero. L'Istat ricorda che a ferraio giorni lavorativi sono stati 20 come a febbraio 2021.

Da rilevare che l'aumento di fatturato potrebbe anche riflettere gli aumenti dei prezzi praticati dalle imprese nel quadro di forti rincari dei costi. E infatti in termini di volumi la crescita risulta più contenuta.

Secondo l'Istat, con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, a febbraio gli indici destagionalizzati del fatturato segnano un aumento congiunturale per tutti i principali settori: l'energia (+4,8%), i beni di consumo (+3,9%), i beni intermedi (+3,3%) e i beni strumentali (+0,8%).

Per quanto riguarda le variazioni su base annua degli indici corretti per gli effetti di calendario, riferiti ai raggruppamenti principali di industrie, si registrano incrementi tendenziali molto marcati per l'energia (+47,7%) e i beni intermedi (+31,6%), più contenuti per i beni di consumo (+15,3%) e i beni strumentali (+7,1%). Con riferimento al comparto manufatturiero, dice l'istituto, gli aumenti tendenziali riguardano tutti i settori di attività economica, ad eccezione del comparto dei mezzi di trasporto.

"Prosegue a febbraio la crescita congiunturale del fatturato dell'industria, i cui livelli raggiungono il valore massimo dall'inizio della serie storica (gennaio 2000) - è il commento dell'Istat -. Anche in termini tendenziali, l'incremento del fatturato è marcato; la crescita tuttavia risulta molto più contenuta considerando l'indicatore misurato in termini di volume".

"Nel confronto tendenziale su dati corretti per i giorni lavorativi, l'incremento interessa tutti i principali raggruppamenti di industrie - si legge - con aumenti particolarmente rilevanti per il comparto energetico".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli