Italia markets close in 31 minutes
  • FTSE MIB

    24.574,09
    -26,26 (-0,11%)
     
  • Dow Jones

    33.878,84
    +201,57 (+0,60%)
     
  • Nasdaq

    13.994,46
    -1,64 (-0,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.620,99
    +82,29 (+0,28%)
     
  • Petrolio

    62,74
    +2,56 (+4,25%)
     
  • BTC-EUR

    52.775,73
    -99,69 (-0,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.353,97
    -21,80 (-1,58%)
     
  • Oro

    1.740,20
    -7,40 (-0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0016 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    4.146,86
    +5,27 (+0,13%)
     
  • HANG SENG

    28.900,83
    +403,58 (+1,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.978,25
    +11,26 (+0,28%)
     
  • EUR/GBP

    0,8683
    -0,0007 (-0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,1046
    +0,0049 (+0,45%)
     
  • EUR/CAD

    1,5004
    +0,0030 (+0,20%)
     

Industria, Istat: a gennaio fatturato +2,5%, su anno -1,6%

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 mar. (askanews) - A gennaio si stima che il fatturato dell'industria, al netto dei fattori stagionali, aumenti del 2,5% in termini congiunturali; la crescita è più ampia sul mercato estero (+5%), meno marcata su quello interno (+1,2%). Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 19 contro i 21 di gennaio 2020), il fatturato totale diminuisce in termini tendenziali dell'1,6%, con cali dell'1,3% sul mercato interno e del 2,2% su quello estero. Lo ha reso noto l'Istat.

Nella media degli ultimi tre mesi l'indice complessivo rimane stabile rispetto ai tre mesi precedenti. Tutti i raggruppamenti principali di industrie, a gennaio, segnano aumenti su base mensile: +7,8% l'energia, +3,2% i beni intermedi, +1,9% i beni strumentali e +1,4% i beni di consumo.

Con riferimento alla manifattura, il settore delle apparecchiature elettriche e quello dei macchinari e delle attrezzature registrano gli incrementi tendenziali più elevati (+15,4% e +9,8% rispettivamente), mentre l'industria tessile e dell'abbigliamento e le raffinerie segnano le performance peggiori (-18,6% e -29,0% rispettivamente).

"A gennaio, nel confronto tra gli ultimi tre mesi e il trimestre inmmediatamente precedente, il fatturato destagionalizzato dell'industria - è il commento dell'Istat - rimane stabile, risentendo di una flessione della componente interna e di una crescita di quella estera".