Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.998,28
    +205,61 (+0,59%)
     
  • Nasdaq

    14.867,66
    +87,12 (+0,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.728,12
    +144,04 (+0,52%)
     
  • EUR/USD

    1,1844
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    32.813,22
    -578,39 (-1,73%)
     
  • CMC Crypto 200

    970,41
    -5,49 (-0,56%)
     
  • HANG SENG

    26.204,69
    -221,86 (-0,84%)
     
  • S&P 500

    4.421,05
    +18,39 (+0,42%)
     

Industria, Istat: a maggio produzione -1,5%, su anno +21,1%

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 9 lug. (askanews) - Dopo cinque mesi di crescita congiunturale, a maggio la produzione industriale diminuisce. L'indice destagionalizzato della produzione industriale è calato, infatti, dell'1,5% rispetto ad aprile. Corretto per gli effetti di calendario, l'indice complessivo è aumentato in termini tendenziali del 21,1% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 21 contro i 20 di maggio 2020). E' la stima dell'Istat.

Nella media del periodo marzo-maggio il livello della produzione cresce dell'1,2% rispetto ai tre mesi precedenti.

L'indice destagionalizzato mensile mostra diminuzioni congiunturali in tutti i comparti: variazioni negative caratterizzano, infatti, l'energia (-5,2%), i beni strumentali (-1,8%) e, nella stessa misura, i beni di consumo e i beni intermedi (-0,8%).

Si registrano incrementi tendenziali per i beni intermedi (+28,8%), i beni strumentali (+25,2%) e quelli di consumo (+15,8%) mentre diminuisce lievemente il comparto dell'energia (-1,9%).

I settori di attività economica che registrano i maggiori incrementi tendenziali sono la fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche (+40,1%), la fabbricazione di mezzi di trasporto (+39,1%) e le altre industrie manifatturiere (+35,8%). Flessioni tendenziali si registrano solo nelle attività estrattive (-16,2%), nella produzione di prodotti farmaceutici di base (-3,6%) e nella fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (-0,3%).

"Tutti i principali settori di attività - è il commento dell'Istat - registrano cali su base mensile, tra cui è più ampio quello dell'energia. In termini tendenziali, l'indice corretto per gli effetti di calendario è ampiamente in crescita, soprattutto a causa dei bassi livelli produttivi dello scorso anno. Tra i principali raggruppamenti di industria, l'energia è l'unica a flettere su base annua. Rispetto a febbraio 2020, mese antecedente l'inizio dell'emergenza sanitaria, a maggio il livello dell'indice è inferiore dello 0,8 per cento".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli