Italia markets close in 5 hours 26 minutes
  • FTSE MIB

    21.303,47
    -530,03 (-2,43%)
     
  • Dow Jones

    31.029,31
    +82,32 (+0,27%)
     
  • Nasdaq

    11.177,89
    -3,65 (-0,03%)
     
  • Nikkei 225

    26.393,04
    -411,56 (-1,54%)
     
  • Petrolio

    109,61
    -0,17 (-0,15%)
     
  • BTC-EUR

    18.357,73
    -1.028,11 (-5,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    410,21
    -29,46 (-6,70%)
     
  • Oro

    1.813,10
    -4,40 (-0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,0430
    -0,0014 (-0,14%)
     
  • S&P 500

    3.818,83
    -2,72 (-0,07%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.432,10
    -82,22 (-2,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8596
    -0,0015 (-0,17%)
     
  • EUR/CHF

    0,9995
    +0,0030 (+0,30%)
     
  • EUR/CAD

    1,3464
    +0,0005 (+0,04%)
     

Industria, Istat: a marzo fatturato +2,4% su mese, al top dal 2000

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 mag. (askanews) - A marzo il fatturato dell'industria, al netto dei fattori stagionali, è aumentato del 2,4% in termini congiunturali, registrando una dinamica positiva su entrambi i mercati (+2,6% quello interno e +1,8% quello estero). Si conferma così, a marzo, la crescita congiunturale del fatturato dell'industria, il cui livello, al netto dei fattori stagionali, tocca il valore massimo dall'inizio della serie storica, ossia gennaio 2000. Lo ha reso noto l'Istat.

Corretto per gli effetti di calendario, il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 21,4%, con incrementi del 21,6% sul mercato interno e del 20,9% su quello estero. I giorni lavorativi sono stati 23 come a marzo 2021.

Nel primo trimestre l'indice complessivo è cresciuto del 4,7% rispetto al trimestre precedente (+ 4,3% sul mercato interno e +5,5% su quello estero).

Quanto ai raggruppamenti principali di industrie, a marzo gli indici destagionalizzati del fatturato segnano aumenti congiunturali per l'energia (+12%), i beni intermedi (+3,0%) e i beni di consumo (+1,9%), mentre i beni strumentali registrano una lieve riduzione (-0,5%).

Per quanto riguarda gli indici corretti per gli effetti di calendario riferiti ai raggruppamenti principali di industrie, si registrano incrementi tendenziali molto marcati per l'energia (+61,9%) e per i beni intermedi (+32,3%), più contenuti per i beni di consumo (+19,0%) e per i beni strumentali (+3,6%).

Con riferimento al comparto manufatturiero, gli aumenti tendenziali riguardano tutti i settori di attività economica, ad eccezione dei mezzi di trasporto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli