Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.586,88
    -58,96 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    32.803,47
    +76,65 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    12.657,55
    -63,03 (-0,50%)
     
  • Nikkei 225

    28.175,87
    +243,67 (+0,87%)
     
  • Petrolio

    88,53
    -0,01 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    22.653,82
    -289,19 (-1,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    533,20
    -2,02 (-0,38%)
     
  • Oro

    1.792,40
    -14,50 (-0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0187
    -0,0063 (-0,61%)
     
  • S&P 500

    4.145,19
    -6,75 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    20.201,94
    +27,90 (+0,14%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.725,39
    -29,21 (-0,78%)
     
  • EUR/GBP

    0,8431
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CHF

    0,9789
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3164
    -0,0018 (-0,13%)
     

Industria,Prometeia-Isp:Italia batte resto Europa in prima parte 2022

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 25 lug. (askanews) - Dopo gli ottimi risultati del 2021, l'industria italiana ha mantenuto buoni ritmi di crescita nella prima parte del 2022, più intensi di quelli dei principali competitor europei. Archiviato un primo bimestre caratterizzato da una buona dinamica (+2% tendenziale, dati grezzi), la produzione manifatturiera ha registrato un +2.6% nel periodo marzo-maggio 2022, post-scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina, un risultato migliore di quello di Francia (+1.9%), Spagna (+1.6%) e soprattutto Germania (-2.2%), penalizzata dal crollo della produzione automotive, che ha trascinato al ribasso anche i settori a monte. E' quanto emerge da Analisi dei Settori Industriali, di Prometeia e Intesa Sanpaolo, che esamina il mondo delle imprese manifatturiere e fornisce analisi congiunturali e previsioni sulle potenzialità di crescita e di redditività per circa quaranta comparti produttivi raggruppati in quindici settori

La crescita dell'attività italiana si è affiancata a un ulteriore forte aumento dei prezzi alla produzione (+12.9% nei primi cinque mesi dell'anno, al netto dei prodotti petroliferi), superiore a quello dei concorrenti europei (Spagna +11.8%, Germania +10.6%, e Francia +10.3%), che può riflettere una serie di fattori: una diversa struttura produttiva, ma anche la presenza, in Italia, di condizioni di domanda che hanno consentito una traslazione più rapida dei rincari di costo determinati dal rally delle commodity, in particolare nei settori incentivati, come quelli legati alle costruzioni.

Grazie alla dinamica dei prezzi, il fatturato manifatturiero a prezzi correnti ha registrato una crescita del 17.7% tra gennaio e aprile 2022 (ultimo mese disponibile). Anche al netto della spinta inflativa, però, si confermano risultati positivi: +4.6% la stima di fatturato deflazionato dei primi quattro mesi dell'anno. Cruciale il sostegno della domanda interna, in particolare degli investimenti in costruzioni, a fronte di segnali di maggiore difficoltà dei consumi, in particolare nel comparto dei beni durevoli, i più sensibili al peggioramento del clima di fiducia dei consumatori e ai vincoli di reddito indotti dal forte rincaro delle spese energetiche.

Buona tenuta delle vendite sui mercati internazionali

Oltre alla domanda interna, le imprese manifatturiere italiane hanno beneficiato di un andamento positivo delle vendite sui mercati internazionali, anche nel confronto con i concorrenti europei. Nei primi tre mesi dell'anno, le nostre esportazioni, al netto dei prodotti petroliferi, hanno registrato una crescita del 21.2% a valori correnti, migliore di quella francese (+17.2%), spagnola (+16.5%) e tedesca (+8.9%). Spiccano i risultati ottenuti sui mercati europei e nel NAFTA, tali da controbilanciare ampiamente la contrazione delle vendite verso la Cina (penalizzata dalla rigida gestione della pandemia) ed il blocco delle vendite verso la Russia, che stanno contribuendo a rallentare anche gli scambi mondiali.

Nonostante una dinamica della domanda internazionale meno brillante, tali tendenze hanno trovato conferma anche nei dati più recenti, in particolare in quelli di maggio: nel complesso dei primi cinque mesi dell'anno, le esportazioni manifatturiere italiane (al netto dei prodotti petroliferi) sono aumentate in valore del 20.6%, con un incremento più marcato delle vendite UE (+23%) rispetto a quelle extra-UE (+17.8%). Spicca il balzo prossimo al 30% dell'export italiano negli Stati Uniti, sostenuto dall'evoluzione dei cambi, che ha favorito in particolare il Sistema Moda, in recupero dai bassi livelli dello scorso anno.

La crescita del fatturato deflazionato è diffusa a tutti i settori, con poche eccezioni

Il ranking settoriale vede quasi tutti i settori manifatturieri in crescita dal punto di vista del fatturato deflazionato nel periodo gennaio-aprile 2022, con punte di maggior dinamismo per Sistema Moda (+19.1%), sostenuto dall'export e dal recupero ancora intenso sui livelli pre-Covid, Elettronica (+11.7%), con i beni digitali ancora al centro delle spese di famiglie e imprese, e Prodotti e Materiali da Costruzione (+8.1%), favoriti dagli incentivi. Sopra la media manifatturiera anche Farmaceutica (+7.3%) e Alimentare e Bevande (+5.4%), che beneficiano del traino dei mercati internazionali in un contesto di ritorno alla normalità, sia in termini di cure mediche che di socialità.

Fanno eccezione gli Autoveicoli e moto (-11.7% nel gennaio-aprile 2022) e gli Elettrodomestici (-5.9%). Nel primo settore hanno pesato la mancanza di componenti strategiche, che penalizza anche la catena automotive tedesca, alla quale i componentisti italiani sono legati a doppio filo, e l'effetto negativo dell'incertezza sulle scelte d'acquisto in Italia e in Europa, testimoniato dal crollo delle immatricolazioni. Il calo degli Elettrodomestici riflette, invece, sia la maggiore prudenza dei consumatori indotta dalla guerra e dal caro bollette, sia l'affievolirsi della fase di forte espansione che ha caratterizzato il settore a partire dalla seconda metà del 2020, e che ha raggiunto un picco nel 2021. Tra i produttori di beni durevoli, da segnalare invece la migliore tenuta del Mobile, grazie soprattutto al contributo dei mercati internazionali, USA in particolare.

Tra i settori produttori di beni d'investimento, l'evoluzione resta positiva, ma su ritmi inferiori a quelli del 2021 e alla media manifatturiera, per Elettrotecnica (penalizzata soprattutto dalla mancata attivazione della filiera automotive) e Meccanica, più esposta sui mercati cinese e russo e condizionata dalle tensioni sugli approvvigionamenti.

Discorso a parte meritano i produttori di beni intermedi altamente energivori, quali Metallurgia, Intermedi chimici e Altri intermedi che, da un lato, presentano una dinamica ancora intensa del giro d'affari, sostenuta da incrementi record nei prezzi delle commodity, ampiamente scaricati sui listini di vendita e, dall'altro, evidenziano una netta frenata della produzione, che riflette la forte incertezza dello scenario e il venir meno del processo di ricostituzione dei magazzini che ne avevano trainato la ripresa lo scorso anno.

Le attese per la seconda metà del 2022 sono orientate verso un rallentamento

Gli indicatori anticipatori sono tutti concordi nel delineare una seconda parte dell'anno caratterizzata da un affievolimento dei tassi di crescita della domanda interna ed estera, già indebolita dalla spirale inflativa, e dei prezzi, per effetto sia della compressione della domanda sia del confronto con una seconda metà del 2021 che è stata protagonista di significativi strappi al rialzo registrati da diversi prodotti.

I rischi che il fisiologico rallentamento si trasformi in una netta frenata sono comunque elevati, a fronte di incognite legate al perdurare del conflitto, con crescenti timori di blocco delle forniture energetiche, all'impatto recessivo che la svolta restrittiva della politica monetaria può avere sull'economia statunitense e alle crescenti difficoltà delle famiglie italiane (in particolare a basso reddito) nel fronteggiare i rincari energetici e dei prodotti alimentari, che richiedono adeguate risposte di politica economica. A tali fattori si somma la discontinuità governativa in Italia, che potrebbe ritardare il percorso di attuazione del PNRR, uno dei principali sostegni alla dinamica produttiva.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli