Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.226,78
    +352,54 (+1,04%)
     
  • Nasdaq

    14.375,31
    +103,57 (+0,73%)
     
  • Nikkei 225

    28.875,23
    +0,34 (+0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1933
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    29.287,58
    +1.119,02 (+3,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    840,28
    +53,66 (+6,82%)
     
  • HANG SENG

    28.882,46
    +65,39 (+0,23%)
     
  • S&P 500

    4.269,94
    +28,10 (+0,66%)
     

Inflazione Cina: indice prezzi produzione +9% a maggio, record da 2008. Pechino dà il via a controllo prezzi?

·1 minuto per la lettura

Boom in Cina per l'indice dei prezzi alla produzione, termometro - insieme all'indice dei prezzi al consumo - del trend dell'inflazione. I prezzi delle commodities più alti hanno portato i prezzi alla produzione a volare del 9% su base annua nel mese di maggio, al ritmo più forte dal 2008. Il balzo è stato superiore al +8,5% atteso dal consensus e al +6,8% di aprile. Su base mensile, il rialzo è stato pari a +1,6%. Nella giornata di ieri, la Commissione cinese di sviluppo e riforma nazionale, (NDRC-National Development and Reform Commission) - che rappresenta l'autorità numero uno per la pianificazione dell'economia - ha invitato tutte le autorità provinciali a rafforzare la loro supervisione sui prezzi del mercato delle materie prime, facendo il massimo degli sforzi per assicurare che l'offerta dei prodotti più importanti sia adeguata e che i prezzi siano in generale stabili. La commissione ha praticamente garantito che agirà per tenere sotto controllo l'inflazione di alcuni beni, lanciando di conseguenza un controllo sui loro prezzi. Oggi è stata resa nota anche l'inflazione cinese misurata dall'indice dei prezzi al consumo che, nel mese di maggio, è salita su base annua dell'1,3%, in misura inferiore rispetto al +1,6% atteso dal consensus. Su base mensile, il dato è sceso dello 0,2%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli