Italia markets close in 5 hours 35 minutes
  • FTSE MIB

    21.453,14
    +98,49 (+0,46%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,86 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,14 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    26.153,81
    +218,19 (+0,84%)
     
  • Petrolio

    107,92
    -0,51 (-0,47%)
     
  • BTC-EUR

    18.554,42
    +216,71 (+1,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    417,79
    -2,35 (-0,56%)
     
  • Oro

    1.806,50
    +5,00 (+0,28%)
     
  • EUR/USD

    1,0446
    +0,0020 (+0,19%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.830,35
    -29,44 (-0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.471,12
    +22,81 (+0,66%)
     
  • EUR/GBP

    0,8615
    -0,0007 (-0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0016
    +0,0013 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,3414
    -0,0020 (-0,15%)
     

Inflazione eurozona si conferma in accelerazione all’8,1% a luglio

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 17 giu. (askanews) - Si conferma all'8,1% su base annua l'inflazione dell'area euro di maggio, in ulteriore accelerazione dal 7,4% registrato ad aprile. Lo riporta Eurostat con i dati definitivi del carovita, ricordando che solo un anno prima il tasso di inflazione medio nell'area era ad appena il 2%. Tra aprile e maggio i prezzi sono cresciuti di un ulteriore 0,8%. Nell'intera Ue l'inflazione è salita all'8,8% annuo a maggio, con un aumento dei prezzi dell'1% rispetto ad aprile.

Guardando alla variazione annua, gli aumenti più forti si sono registrati in Estonia (20,1%), Lituania (18,5%) e Lettonia (16,8%), i più contenuti in Francia e a Malta (5,8%) e in Finlandia (7,1%). In Italia a maggio l'inflazione è a sua volta accelerata al 7,3% annuo, dal 6,3% di aprile.

A dare un contributo consistente al rialzo generale c'è sempre la voce energia, che dopo una limatura ad aprile, al 37,5% dopo un record del più 44,3% a marzo, a maggio è tornata a a sua volta ad accelerare con il più 39,1%, per l'insieme dell'eurozona.

Il continuo surriscaldarsi del quadro inflazionistico ha innescato una ondata di aumenti dei tassi di interesse da parte delle banche centrali, tra cui la Bce che la scorsa settimana ha deciso di programmare per luglio un aumento dei tassi da 0,25 punti e per settembre un ulteriore aumento che potrebbe raggiungere 0,50 punti. La Federal Reserve americana, invece, ha appena aumentato i tassi di 0,75 punti altri, portandoli all'1,50-1,75%, mentre nell'eurozona restano a zero su tutto giugno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli