Italia markets close in 5 hours 16 minutes
  • FTSE MIB

    20.515,50
    -445,88 (-2,13%)
     
  • Dow Jones

    29.134,99
    -125,82 (-0,43%)
     
  • Nasdaq

    10.829,50
    +26,58 (+0,25%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • Petrolio

    78,32
    -0,18 (-0,23%)
     
  • BTC-EUR

    19.500,16
    -1.714,99 (-8,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    427,78
    -31,36 (-6,83%)
     
  • Oro

    1.626,40
    -9,80 (-0,60%)
     
  • EUR/USD

    0,9584
    -0,0014 (-0,14%)
     
  • S&P 500

    3.647,29
    -7,75 (-0,21%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.267,02
    -61,63 (-1,85%)
     
  • EUR/GBP

    0,8939
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CHF

    0,9490
    -0,0025 (-0,26%)
     
  • EUR/CAD

    1,3186
    +0,0016 (+0,12%)
     

Inflazione, la top 30 dei rincari dai voli a luce e gas

(Adnkronos) - Per la top 30 dei rincari sulla base dei dati dell'inflazione, vincono i Voli internazionali decollati del 128,1% su agosto 2021, al 2° posto l'Energia elettrica (libero + tutelato) che è più che raddoppiata in un anno con +102,9%, dove ancora una volta il mercato libero va molto peggio del tutelato con +135,9%, equivalente a una stangata aggiuntiva annua per una famiglia media pari a 858 euro contro un aggravio medio, tra libero e tutelato, pari a 650 euro. Medaglia di bronzo all'Olio diverso da quello di oliva (+62,8), che vince per gli alimentari e si traduce in un rincaro di 15 euro e 30 cent. E' quanto emerge dalla classifica elaborata dall'Unione Nazionale Consumatori.

Al 4° posto il Gas naturale e gas di città con +62,5% che corrisponde a una maggior spesa annua pari a 362 euro. Seguono il Gasolio per riscaldamento (+43,6%), Gpl e metano (+40,1%), al 7° posto il Burro (+33,5%, pari a 9,37 euro) e Medaglia d'argento tra gli alimentari. Poi Supporti con registrazioni di suoni, immagini e video (+27,8%), la Margarina che con +23,6% si colloca sul gradino più basso del podio per il cibo. Chiude la top ten la Farina (+22,9%, +9 euro e 29 cent), 4° tra gli alimentari.

All'11° posto il Riso (+22,4%), poi il cibo simbolo del made in Italy, la Pasta (fresca, secca e preparati di pasta), in sesta posizione per il cibo con +21,7% e un aggravio a famiglia pari a 30 euro e 47 cent.

Si segnalano poi il Latte conservato (15°, +19%), il Gasolio per mezzi di trasporto (16°, +18,2%), i Gelati (17°, +18,1%), Alberghi, motel, pensioni e simili che con +15,7% rispetto alla scorsa estate sono al ventesimo posto della classifica generale ma al 1° posto per le voci legate alle ferie, tolti i trasporti e limitandosi alle vere voci tipicamente legate alle vacanze e all'estate, ossia alle divisioni di spesa Ricreazione, spettacoli e cultura e Servizi ricettivi e di ristorazione.

Poi Pollame (+15,6%) e Uova (+15,2%), 21° e 22° della graduatoria generale e che chiudono la top ten degli alimentari. Tra gli alimentari si segnalano, infine, lo Zucchero (+14,9%), il Pane, "solo" in 28° posizione con +13,6% ma che determina una mazzata annua a famiglia pari a 35 euro e 59 cent. Chiudono la top 30 le Acque minerali con +12,8%, pari a 19 euro e 37 cent.