Italia markets open in 7 hours 59 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.663,50
    +697,49 (+2,41%)
     
  • EUR/USD

    1,2055
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    41.192,19
    +3.345,23 (+8,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,63
    +54,40 (+5,86%)
     
  • HANG SENG

    29.452,57
    +472,36 (+1,63%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Inflazione torna a salire a gennaio grazie a energetici - Istat

·2 minuto per la lettura
Una bandiera italiana sopra al Palazzo Quirinale a Roma

ROMA (Reuters) - L'inflazione italiana nel mese di gennaio ha registrato il primo rialzo tendenziale, per quanto contenuto, dopo otto cali consecutivi.

Secondo i dati provvisori diffusi oggi da Istat, nel mese in esame il Nic ha evidenziato rialzi dello 0,5% su mese e dello 0,2% su anno. A dicembre l'indice aveva segnato una rialzo mensile dello 0,2% e una flessione annua dello 0,2%.

Le attese erano per una flessione dello 0,1% su anno.

"Il cambiamento è determinato per lo più dalla crescita su base congiunturale dei prezzi dei Beni energetici che, al contrario, a gennaio 2020 erano diminuiti rispetto al mese precedente", spiega in una nota l'istituto di statistica.

L'inflazione di fondo accelera lievemente a +0,7% al netto dell'energia e degli alimentari freschi e a +0,8% senza i soli energetici, in entrambi i casi da +0,6%.

L'inflazione acquisita per il 2021 è pari a +0,4% per l'indice generale e a +0,2% per la componente di fondo.

Venendo all'indice armonizzato Ipca, a gennaio scende dell'1,1% su mese mentre sale dello 0,5% su anno, contro attese rispettivamente per -1,5% e +0,2%. Il mese prima l'indice era salito dello 0,2% congiunturale ed era calato dello 0,3% a perimetro annuo.

Istat precisa che "la crescita tendenziale più marcata dell'Ipca rispetto a quella del Nic si deve ai prezzi di Abbigliamento e calzature che su base annua aumentano del 4,9% (invertendo la tendenza e accelerando da -0,2% di dicembre)" per effetto dell'avvio dei saldi invernali quest'anno diversificato tra le regioni.

I prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona - il cosiddetto carrello della spesa - accelerano da +0,6% a +0,7%, mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto attenuano la flessione a -0,1% da -0,3%.

(Antonella Cinelli, in Redazione a Roma Stefano Bernabei)