Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.835,31
    -198,36 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    14.171,86
    +132,17 (+0,94%)
     
  • Nikkei 225

    29.018,33
    -272,68 (-0,93%)
     
  • EUR/USD

    1,1923
    -0,0077 (-0,64%)
     
  • BTC-EUR

    31.674,54
    -861,71 (-2,65%)
     
  • CMC Crypto 200

    935,71
    -34,16 (-3,52%)
     
  • HANG SENG

    28.558,59
    +121,75 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    4.225,28
    +1,58 (+0,04%)
     

Inflazione USA a maggio, forse la più alta degli ultimi 28 anni

·3 minuto per la lettura

L’inflazione degli Stati Uniti d’America è davvero un tema assai caldo e ci si attende che resti tale anche quando arriveranno i dati del mese di maggio, attesi a breve.

Nel frattempo il consensus indica che l’inflazione a maggio negli Stati Uniti dovrebbe toccare il +3,5% su base anno su anno, inclusi i prezzi di cibo ed energia.: questa la previsione di Dow Jones, come riportato dalla Cnbc.

Il dato atteso è minore del dato reale dell’inflazione di aprile negli USA, quando ha toccato il +4,2%, tuttavia resta alto e si tramuterebbe nel ritmo di crescita più veloce degli ultimi 28 anni negli States.

Secondo gli economisti, poi, il CPI (Consumer Price Index) sia core che headline, sono aumentati del +0,5% e prevedono anche che il CPI principale aumenterà al 4,7% anno su anno. Questo dato, se confermato dai dati reali, porterebbe indietro le lancette all’autunno del 2008, quando il costo dell’energia incise notevolmente sull’aumento dell’inflazione.

Quanto potrebbe salire l’inflazione negli USA?

Secondo Diane Swonk di Grant Thorton, intervistato dalla Cnbc, intanto potremmo assistere a una salita dell’inflazione del +5% e il peggio potrebbe venire nella seconda metà dell’anno.

E questo perché l’analista prevede un aumento dei prezzi degli hotel, dei biglietti aerei (prezzi sensibilmente aumentati anche in Italia e scaricati sui bagagli), ma in generale su tutto si prevede un aumento dei prezzi.

Inflazione transitoria o permanente

Come sappiamo la discussione in atto tra gli analisti è se questa inflazione è qui per restare a lungo o è solo transitoria e frutto di una riapertura in massa delle attività, che non ce la fanno a soddisfare una domanda anch’essa cresciuta veloce perché repressa a lungo dalle chiusure.

Mentre attendiamo i dati ufficiali previsti oggi, giovedì 10 giugno, alle ore 8.30 ET, è giusto porsi questa domanda perché dalla temporaneità o meno dell’inflazione dipenderà l’azione della Federal Reserve e in generale delle banche centrali per le altre economie.

Se l’inflazione, per ora tollerata, dovesse mostrare dei caratteri di permanenza è certo che le banche centrali interverranno sulla politica monetaria riducendo l’acquisto di titoli (tapering) e potrebbero anche innalzare i tassi di interesse.

CPI come nel 1992

Il capo economista di Moody’s Analytics, Mark Zandi, intervistato da Cnbc ha detto di attendersi un CPI core in aumento dello 0,6% in maggio, con un tasso di crescita anno su anno del +3,65%, ovvero quanto nel mese di luglio del 1992: quasi un’altra epoca.

Su base annua l’analista prevede la salita dell’inflazione negli USA al +4,9%, con una inflazione di fondo al 3%.

Gli affitti e i noleggi previsti in aumento

A preoccupare anche l’aumento degli affitti e dei noleggi per l’esperto. Per quanto riguarda gli affitti delle case erano scesi in alcune città degli USA, ma ora rischiano di salire in modo deciso.

Cosa farà la Fed secondo gli analisti

Secondo alcuni analisti la Fed introdurrà il tema del tapering in agosto durante il tradizionale Jackson Hole Economic Symposium. In quella occasione annuncerà la volontà di ridurre gli acquisti che ora viaggiano al ritmo di 120 miliardi di dollari al mese.

Effettivamente la riduzione verrà applicata, con molta probabilità, dal mese di dicembre 2021 o da inizio 2022.

Nel frattempo, per conoscere tutti gli eventi economici del giorno e della settimana in Italia e all’estero, leggi il nostro Calendario Economico completo con tutti gli eventi in programma.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli