Italia markets open in 7 hours 9 minutes
  • Dow Jones

    31.176,01
    -12,39 (-0,04%)
     
  • Nasdaq

    13.530,92
    +73,67 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.644,90
    -111,96 (-0,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    24.528,59
    +253,06 (+1,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    586,35
    -93,56 (-13,76%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,74 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.853,07
    +1,22 (+0,03%)
     

Informazione e fake news, il ruolo di internet e social

webinfo@adnkronos.com
·4 minuto per la lettura

Internet come principale veicolo di informazione ma le fake news sono dietro l'angolo e scegliere le proprie fonti individuando quelle attendibili non sempre è facile. Secondo la ricerca realizzata da Fondazione Mondo Digitale, nell’ambito del progetto Vivi Internet Al Meglio, in collaborazione con Altroconsumo e Google, la grande maggioranza degli intervistati, sia giovani (48,2%) che adulti (44,8%), considera Internet il principale veicolo di informazione. Fra i giovani emerge anche l’ampio utilizzo dei social network a fini informativi, che, invece, sono consultati soltanto da 1 adulto su 3.

Proprio i social, però, insieme al passaparola, sono ritenute fra le principali fonti di disinformazione sia secondo i giovani (per il 90% i social, per il 46% il passaparola) che per gli adulti (per il 96% i social e per il 46% il passaparola). Fondamentale quindi saper distinguere l’autenticità delle notizie, ma in quanti sanno davvero farlo?

Sebbene il 98% degli intervistati sappia cosa sono le fake news e il 63% sostenga di saperle riconoscere, è necessario tenere conto che sussiste fra le persone un’eccessiva fiducia nelle proprie capacità di controllare e gestire le informazioni che recepiscono. È stato, quindi, chiesto agli intervistati se siano mai stati vittime di disinformazione: hanno risposto di no 1 adulto su 2 e circa 1 giovane su 3.

Per verificare le notizie vengono adottati diversi metodi: il più diffuso è il check della fonte, effettuato dal 48% degli adulti e il 46% dei giovani. Fondamentale anche il confronto, nel contesto familiare e scolastico, sulle notizie apprese: il 57% degli adulti e il 42% dei ragazzi afferma di discutere di notizie e informazioni in casa quotidianamente, mentre circa il 19% di docenti e alunni afferma di farlo ogni giorno in classe.

La disinformazione resta un tema centrale e la sua importanza è riconosciuta dall’86% degli adulti e dal 64% dei ragazzi. Tuttavia, emergono degli aspetti da approfondire per una maggiore sicurezza e tutela. I principali sono migliorare la capacità di lettura critica delle notizie (per il 45% degli adulti e il 37% dei giovani) e imparare a contrastare le fake news (per il 42% degli adulti e il 36% dei ragazzi).

Più di 1 ragazzo su 2 ammette di avere delle lacune da colmare in questo ambito, infatti, in questa fascia emerge un’altra priorità di miglioramento: capire bene come identificare adeguatamente le fake news, tema su cui pone l’attenzione il 40% dei rispondenti.

La disinformazione è identificata da Altroconsumo come un pericolo per tutti i consumatori, e l’informazione come un diritto e un dovere fondamentale per tutti i cittadini. Importante quindi offrire a ogni individuo la possibilità di ricevere una corretta formazione e strumenti adeguati per muoversi fra il sovraffollamento informativo odierno.

A tale fine, Altroconsumo, Fondazione Mondo Digitale e Google rafforzano l’impegno congiunto avviato con il progetto Vivi Internet al Meglio, promuovendo numerose iniziative volte ad ai ad aiutare i più giovani ad orientarsi nelle loro esperienze online. Si parte con il Decalogo della buona informazione, dieci raccomandazioni utili per tutelarsi dalla cattiva informazione e scegliere con consapevolezza le notizie a cui affidarsi.

A questa si unisce il web game "The Information Tower", sviluppato da Google e Altroconsumo e powered by Skuola.net, per aiutare i giovani a riconoscere gli elementi che rendono le notizie autentiche e sviluppare una propria opinione. Infine, nuovi contenuti didattici per studenti, insegnanti e genitori sono disponibili sul sito g.co/vivinternetalmeglio.

La disinformazione e il suo impatto sulla società, i rischi connessi alla diffusione delle fake news, i nuovi protagonisti dell’informazione digitale, saranno alcuni dei temi discussi nel panel che chiude il FestivalFuturo Altroconsumo di quest’anno: Imparare a distinguere il vero dal falso. Numerosi gli ospiti in collegamento per il confronto.

A rappresentare le istituzioni sarà il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri (Editoria), Andrea Martella. Presenti anche Mirta Michilli, Co-ideatrice e Direttore generale di Fondazione Mondo Digitale, Enrico Bellini, Government Affairs & Public Policy Manager di Google, Alessio Stigliano e Alessandro Tenace, fondatori di The Show, la giornalista Marianna Aprile e Alessandro Sessa, Direttore delle testate Altroconsumo. A moderare il panel sarà Daniele Grassucci, Direttore e co-founder di Skuola.net, insieme a Gianluca Daluiso, conduttore e scrittore.

Sarà possibile seguire l’evento Imparare a distinguere il vero dal falso, oggi, 25 novembre alle ore 17.00, su Zoom, Facebook e YouTube.