Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.066,55
    -732,56 (-3,36%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,27 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,88 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.153,83
    -159,30 (-0,58%)
     
  • Petrolio

    79,43
    -4,06 (-4,86%)
     
  • BTC-EUR

    19.548,28
    -505,83 (-2,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,61
    -9,92 (-2,23%)
     
  • Oro

    1.651,70
    -29,40 (-1,75%)
     
  • EUR/USD

    0,9693
    -0,0145 (-1,47%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.933,27
    -214,68 (-1,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,60
    -78,54 (-2,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8927
    +0,0188 (+2,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9509
    -0,0100 (-1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3169
    -0,0093 (-0,70%)
     

Innovation Village “illumina” Greentech Festival Berlino

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 giu. (askanews) - È partita oggi la quinta edizione del Greentech Festival di Berlino, manifestazione che vede tra i suoi fondatori l'ex pilota tedesco di Formula 1, Nico Rosberg. In fiera anche Innovation Village, il network sull'innovazione organizzato a Napoli dal 2016, con il progetto Scobyskin, brevetto tutto italiano, per la realizzazione di un materiale generato da batteri e lieviti in grado di trasformare lo scarto di produzione frutticola o vitivinicola in nanocellulosa. "Il processo per la generazione di materiali, in particolare la nanocellulosa, è la nuova tendenza nell'ambito della ricerca industriale - spiega Marco Abbro, responsabile del laboratorio BioLogic di Knowledge for Business, società che organizza Innovation Village, e inventore del processo -. Ci troviamo al giro di boa per le tecnologie green: fino a pochi anni fa sembravano fantascienza, mentre oggi con le evoluzioni tecnologiche ci permettono di ottenere risultati incredibili a prezzi competitivi".

BioLogic da quattro anni studia e perfeziona la nanocellulosa, esplorandone potenzialità e fattibilità industriale con l'occhio rivolto alla sostenibilità ambientale ed economica. "Ci siamo attestati come una delle realtà più avanzate in questo ambito, collaborando con designer e istituzioni, in particolare con l'Università Vanvitelli e Medaarch, per esplorare le potenzialità del materiale", evidenzia Francesca Cocco, responsabile Business Development KforB. "Ad oggi abbiamo in cantiere prototipi che variano dal design industriale, al fashion e alla cosmesi".

Nello stand del Greentech Festival, Innovation Village presenta alcune lampade del progetto Organic Landscape, seguito dalla professoressa Carla Langella, docente presso il Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale dell'Università Vanvitelli, che sono "cresciute" in laboratorio e sfruttano la trasparenza del materiale per avere una connotazione plastica e naturale, permettendo al visitatore di interagire con l'oggetto e di rilassarsi con le tonalità che il materiale conferisce alla luce. "Uno scenario - sottolinea Abbro - che dimostra come l'utilizzo di soluzioni biologiche e green sia una strada percorribile che deve necessariamente essere seguita se si vuole provare a recuperare il terreno perso nella salvaguardia del pianeta".

A Berlino è presente anche Nando, il "cestino intelligente" che fa la raccolta differenziata con l'intelligenza artificiale, essendo in grado di riconoscere e smistare automaticamente i rifiuti inseriti al suo interno. Nando è stato, nel 2021, il progetto vincitore di Innovation Village Award, il premio annuale che nell'ambito di Innovation Village valorizza le esperienze di innovazione sostenibile.