Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.403,24
    -1.191,39 (-6,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8622
    +0,0015 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0003
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Innovazione, Ambrosetti: Italia quintultima, solo 1,5% Pil in ricerca

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 mag. (askanews) - L'Italia è indietro nell'ecosistema dell'innovazione: si posiziona al quintultimo posto dell'Ambrosetti Innosystem Index (AII), presentato oggi a Milano in occasione dell'undicesimo Technology Forum. L'Italia, è emerso dalla ricerca, è solo al 18esimo posto su 22 Paesi analizzati con un punteggio di 3,3. Al vertice emergono gli Stati Uniti, con un punteggio di 5,1 e al secondo posto, Israele, Germania e Austria con un punteggio di 4,6. Per valutare le performance dei Paesi e predire la crescita e lo sviluppo economico di un Paese, l'AII considera anche gli investimenti in ricerca e sviluppo. Su questo la Germania è avanti in Europa con 105,9 miliardi di euro investiti in R&S, più di quattro volte gli investimenti dell'Italia (25,4 miliardi di euro). Considerando il contesto mondiale e rapportando gli investimenti in R&S al Pil, l'Italia non rientra nella top 15 mondiale: è sotto la media UE27 (2,2%) con l'1,5% del Pil destinato alla ricerca. Note positive dalla ricerca accademica: l'Italia si conferma eccellenza con 1.594 citazioni ogni 100 ricercatori. Ma persistono le difficoltà nel trasferimento tecnologico: l'Italia è 19esima per registrazioni di brevetti e va male anche per quanto riguarda il tasso di mobilità netta degli studenti, rispetto al quale si posiziona come ultimo Paese con un saldo netto positivo tra studenti in entrata e studenti in uscita. "Dal rapporto - ha detto Valerio De Molli, managing partner & ceo di The European House - Ambrosetti - emerge un'Italia con alcuni importanti punti di forza, come la bioeconomia e la capacità dei nostri ricercatori di produrre eccellenza scientifica, ma allo stesso tempo frenata e con grandi opportunità da cogliere per quanto riguarda la capacità di costruire un solido ecosistema dell'innovazione, condizione essenziale per accelerare il cammino verso lo sviluppo sostenibile e la Super Smart Society", ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli