Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.751,32
    -63,07 (-0,18%)
     
  • Nasdaq

    15.181,92
    +20,39 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    30.323,34
    -188,37 (-0,62%)
     
  • EUR/USD

    1,1773
    -0,0053 (-0,45%)
     
  • BTC-EUR

    40.380,98
    -900,82 (-2,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.209,85
    -23,43 (-1,90%)
     
  • HANG SENG

    24.667,85
    -365,36 (-1,46%)
     
  • S&P 500

    4.473,75
    -6,95 (-0,16%)
     

Inps, in 2020 datori di lavoro in leggera crescita rispetto a 2019

·2 minuto per la lettura

I datori di lavoro dipendente effettivamente attivi nel 2020 sono risultati 2,781 milioni, in leggera crescita (+1,2%) rispetto al valore del 2019 (2,747 milioni). Questa crescita è interamente dovuta ai datori di lavoro domestico – sostanzialmente le famiglie utilizzatrici di servizi di aiuto nella cura della casa o di assistenza a figli minori o ad anziani non autosufficienti - che nel 2020 hanno raggiunto praticamente il milione di unità: +78.000 rispetto all’anno precedente, segnalando una forte dinamica di crescita analoga a quella che analizzeremo più avanti a proposito dei dipendenti. E' uno dei dati che emergono dal XX Rapporto annuale Inps.

Secondo l'Inps "si tratta di un effetto largamente imputabile alla pandemia: in particolare il primo lockdown, per superare i divieti allo spostamento, ha (involontariamente) generato la necessità di regolarizzare questo segmento di forza lavoro".

"Per i datori di lavoro intesi come aziende private la pandemia ha avuto, invece, un effetto negativo, in modo particolare a causa del contenimento delle imprese parzialmente stagionali (perché stagionali o nate o cessate nel corso dell’anno)", osserva.

"Infatti, per le aziende 'stabili' (con almeno un dipendente ogni mese dell’anno) la riduzione è stata modesta (-0,7% pari a qualche migliaio di unità su un totale superiore a 1,2 milioni di attori) mentre per le aziende parzialmente presenti la contrazione è stata assai significativa: esse sono diminuite passando da 423.000 a 391.000 (-7,5%)", aggiunge.

"Sotto il profilo dimensionale, in valori assoluti la riduzione ha riguardato soprattutto le imprese con meno di 15 dipendenti (-35.000); in valori percentuali si segnala soprattutto la riduzione delle imprese tra 15 e 99 dipendenti (-4,7%), con un significativo ridimensionamento anche della componente delle imprese stabilmente presenti (circa -4.000 unità): ciò si spiega con il fatto che il ricorso alla cassa integrazione a zero ore per gran parte dei dipendenti ha ridotto, almeno transitoriamente, la taglia dimensionale di diverse aziende", prosegue.

"Anche agricoltura e amministrazioni pubbliche evidenziano la medesima tendenza negativa delle aziende private", conclude l'Inps.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli