Italia markets close in 6 hours 19 minutes

Inps: bilancio 2020, il "rosso" scende a 6,38 mld euro -2-

Bos

Milano, 30 dic. (askanews) - La decisione del Civ, che rappresenta milioni di imprese e lavoratori "contribuenti", motivata nell'ordine del giorno che accompagna la deliberazione di approvazione, è stata "assunta per senso di responsabilità istituzionale pur essendo stato reso disponibile il progetto di bilancio, da parte degli organi di gestione, solo il 2 dicembre con 63 giorni di ritardo rispetto ai termini regolamentari".

"Un ritardo che - ha sottolineato Loy - non è stato però utile a dare maggiori certezze all'attività dell'Istituto e che rimanda scelte importanti con le prossime note di variazione. In particolare mancano scelte chiare sugli investimenti per il patrimonio strumentale (sedi Inps) al fine di ridurre le spese per affitti, c'è l'urgenza di implementare le risorse per la formazione del personale e le risorse per rafforzare l'attività dei collaboratori istituzionali come i Caf. Così come va previsto un intervento radicale per garantire tempi rapidi ai lavoratori pubblici richiedenti la pensione".

L'Inps ha previsto entrate dai contributi per oltre 236 miliardi di euro, per far fronte a 233 miliardi di euro di prestazioni. I termini del Bilancio confermano il rilevante contributo dei pensionati alla fiscalità generale, con trattenute Irpef versate dall'Inps allo Stato per 58 miliardi di euro.

Gli interventi assistenziali per invalidità civile e accompagno sono preventivati in circa 18,7 miliardi di euro, altri interventi di protezione sociale sono preventivati in 15 miliardi di euro, reddito e pensione di cittadinanza in 7,1 miliardi di euro, quota 100 in 5,2 miliardi di euro.

L'intervento dello Stato per prestazioni assistenziali e di protezione sociale è di 86 miliardi di euro. Si rende necessario per i disavanzi previdenziali, in particolare relativi alla incorporazione in Inps dei soppressi Enti previdenziali del lavoro pubblico e delle aziende dei servizi privati (FFSS e Telefonia ecc) e dei coltivatori diretti, un trasferimento dal bilancio dello Stato di 19 miliardi di euro. Altri 17 miliardi di euro sono destinati alle politiche attive del lavoro.

"Con le prossime note di variazione al bilancio - ha concluso Guglielmo Loy - è opportuno che l'Istituto si doti di uno strumento finanziario, il bilancio, più aderente agli indirizzi strategici e all'attività ordinaria".