Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    50.886,27
    -1.041,84 (-2,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Inps, da aprile cassa integrazione più veloce

Redazione
·1 minuto per la lettura
Inps, da aprile cassa integrazione più veloce
Inps, da aprile cassa integrazione più veloce

Se tutto andasse liscio, si stima che i pagamenti possano avvenire in 40 giorni. Attiva anche una live chat per le domande dei lavoratori

Inizia questo mese il processo di semplificazione elaborato dall’Inps per ridurre i tempi dei pagamenti diretti delle mensilità di cassa integrazione. A comunicarlo è lo stesso istituto in una nota sul monitoraggio della cassa Covid. Così, se tutto procedesse regolarmente, l’erogazione dei contributi integrativi avverrebbe in 40 giorni. L’Inps attiverà anche una live chat per consentire ai lavoratori di chiedere informazioni sui tempi di ricezione delle prestazioni.

IL MONITORAGGIO INPS SUI PAGAMENTI

Al 31 marzo, l’istituto ha effettuato pagamenti diretti di cassa integrazione con causale Covid a oltre 3,7 milioni di dipendenti, mentre sono 5.928 quelli ancora in attesa del primo pagamento.

I PAGAMENTI RICEVUTI DALLE AZIENDE

I lavoratori che, sempre durante la pandemia, hanno ricevuto anticipi di cassa integrazione direttamente dalle aziende, recuperati da queste attraverso compensazione sui versamenti contributivi, sono stati più di 3,5 milioni.

COMPENSI (QUASI) COMPLETATI

Quanto ai pagamenti diretti ai lavoratori, basati sulla presentazione successiva degli SR41, l’Inps informa che sono state 19.870.501 le richieste di prestazioni recepite e 19.755.850 i pagamenti diretti effettuati, pari a oltre il 99,4% del totale. La quota restante, in lavorazione, è composta da 114.651 integrazioni salariali, di cui 88.399 pervenute nel solo mese di marzo.