Italia markets close in 1 minute
  • FTSE MIB

    22.337,03
    +191,97 (+0,87%)
     
  • Dow Jones

    29.900,63
    -145,61 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    12.054,92
    +18,14 (+0,15%)
     
  • Nikkei 225

    26.296,86
    +131,27 (+0,50%)
     
  • Petrolio

    45,31
    +0,40 (+0,89%)
     
  • BTC-EUR

    15.996,72
    -196,80 (-1,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    378,62
    +8,11 (+2,19%)
     
  • Oro

    1.809,30
    +4,70 (+0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,1913
    +0,0017 (+0,14%)
     
  • S&P 500

    3.623,86
    -11,55 (-0,32%)
     
  • HANG SENG

    26.669,75
    +81,55 (+0,31%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.511,08
    +3,10 (+0,09%)
     
  • EUR/GBP

    0,8898
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • EUR/CHF

    1,0826
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,5485
    +0,0030 (+0,19%)
     

Inps, recapitato dopo mesi un bonifico di pochi euro

·2 minuto per la lettura
inps
inps

Un manager del settore ristorazione ha ricevuto ad inizio mese un bonifico proveniente dall’Inps. La causale presentava la dicitura “Integrazione al reddito Covid-19″. C’è solo un piccolo particolare: la quota versata è stata di soli 5 euro.

Inps, il bonifico beffa da 5 euro

Questa singolare vicenda ha coinvolto Nicolò, un manager di un ristorante romano. A riportare e ricostruire la vicenda è stato il quotidiano la Repubblica. L’uomo ha visto arrivare il bonifico nel suo conto corrente lo scorso 8 ottobre. Il pagamento, tuttavia, sarebbe dovuto essere un sostegno economico per il periodo compreso tra il 14 e il 31 maggio 2020.

“È un insulto, l’ultima beffa…”, ha dichiarato a Repubblica “Tanto valeva che l’Inps non pagasse niente. Da otto mesi facciamo sacrifici per tenere aperto, eppure danno la Cassa covid col contagocce e in ritardo. Adesso arrivano i contributi di maggio, per dire. Se poi le cifre sono queste, non so più cosa pensare…”.

Nicolò collabora con Andrea e Stefano Loreti, due fratelli che possiedono i ristoranti Buvette, Dillà, Santovino. Quello del bonus non è il primo problema burocratico che si sono trovati ad affrontare dall’inizio dell’emergenza coronavirus.

A marzo con l’arrivo del lockdown, il governo aveva disposto tutta una serie di manovre per supportare i settori colpiti. Tra di esse c’erano i fondi d’emergenza e i crediti d’imposta. Per i dipendenti, invece, era stata messa in campo la Cassa integrazione, che avrebbe coperto fino all’80 per cento del loro reddito. Queste misure, però, hanno incontrato svariati problemi burocratici e ritardi.

Fin dal primo periodo, le attività dei Loreti hanno dovuto affrontare diverse complicazioni. Hanno avuto difficoltà ad attivare la Cassa integrazione per i lavoratori. La loro domanda, infatti, è stata accettata solo dopo più di due mesi. A ciò si sono aggiunti poi anche problemi con le banche per la questione dei prestiti e sussidi.

Le loro vicessitudini non si sono limitate solo a questo. I dipendenti e Nicolò hanno iniziato a ricevere i bonifici di Cassa Covid solo da fine luglio. Inoltre, secondo quello che ha riferito lo stesso manager, le cifre che gli sono arrivate non sono mai state uguali. L’ultima è stata appunto di 5 euro. Ad uno dei suoi colleghi, invece, è arrivato un compenso ancora minore, di soli 2,80 euro.