Italia Markets open in 8 hrs 37 mins

Instagram, ecco come scoprire le cose che ti piacciono

(Getty)

C’è una funzione nascosta di Instagram che mostra ciò che il social network fotografico ritiene che apprezziamo. Per scoprirla, basta cercare su Twitter l’hashtag #InstagramAds, per trovare innumerevoli tweet con elenchi di parole, oggetti, celebrità e altri elementi apparentemente senza una connessione tra loro.

La pubblicità

Instagram sfrutta un sistema di analisi, tornato alla ribalta grazie a un tweet del giornalista Eric Gingsburg, che si basa su tutto ciò che svolgiamo sull’app per proporci pubblicità e post sponsorizzati che dovrebbero essere coerenti coi nostri interessi. Per un discorso di trasparenza, l’app mostra l’elenco di queste parole chiave all’interno di una pagina delle impostazioni delle app mobile.

Come fare a scoprire cosa Instagram ritiene di nostro gradimento?

Occorre l’applicazione per Android o per iPhone, per poi fare tap sull’icona dell’omino per aprire il profilo personale, in basso a destra, passare al menu impostazioni della tre linee orizzontali, in alto a destra, scendere fino a “Sicurezza” e “Dati di accesso”; infine effettuare uno scroll fino al fondo della pagina per trovare “Inserzioni” e selezionare “Visualizza tutto”.

La condivisione su Twitter

Per questo motivo su Twitter è scattata la condivisione utilizzando l’hashtag #InstagramAds, e dando un’occhiata ai risultati c’è da chiedersi cosa ci sia che non va nell’algoritmo. Alcune parole, davvero non c’entrano nulla con gli interessi dell’utente. Provare per credere.

Il social game

Grazie a questo social game, molti utenti hanno avuto così occasione di scoprire l’interessante pagina “Dati di accesso”, che fa da riassunto di tutta l’attività dal momento dell’iscrizione fino a oggi con i cambi di password o email, le richieste senza risposta, gli account bloccati, cronologie di ricerche e tutta una serie di informazioni che, una volta ogni tanto, è buona cosa controllare.

Leggi anche:

Per fermare la deforestazione in Brasile bisogna chiedere il permesso ai cinesi

Insultò i vigili su Facebook, condannato a pagare una multa salatissima

Il peggior salvataggio in montagna dell'anno (e forse di sempre)