Italia markets open in 4 hours 18 minutes
  • Dow Jones

    34.137,31
    +316,01 (+0,93%)
     
  • Nasdaq

    13.950,22
    +163,95 (+1,19%)
     
  • Nikkei 225

    29.105,73
    +597,18 (+2,09%)
     
  • EUR/USD

    1,2051
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • BTC-EUR

    44.446,87
    -2.306,66 (-4,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.237,51
    -25,45 (-2,02%)
     
  • HANG SENG

    28.703,85
    +81,93 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    4.173,42
    +38,48 (+0,93%)
     

Instagram, nuove funzioni per proteggere i più giovani

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Nuove tecnologie per proteggere i più giovani su Instagram qualcosa che per il social "è fondamentale". Le annuncia la stessa piattaforma che oggi spiega su quali aggiornamenti e funzioni è al lavoro anche perché sebbene l'età minima per utilizzare Instagram è 13 anni alcuni "potrebbero mentire sulla propria data di nascita. Vogliamo fare di più per evitare che questo accada, ma - spiega un blogpost - verificare l'età delle persone online è complicato per tutte le aziende che lavorano in questo settore".

Per affrontare questa sfida, "stiamo sviluppando nuove tecnologie di intelligenza artificiale e apprendimento automatico che possano aiutarci a garantire la sicurezza dei giovani e lavoriamo a nuove funzioni legate all’età". Intanto "per proteggere i giovani da eventuali contatti indesiderati da parte di adulti, introduciamo una nuova funzione che limita la possibilità per gli adulti di mandare messaggi direct agli utenti minori di 18 anni che non li seguono" si legge nel blogpost della piattaforma che fa capo a Facebook.

Per esempio, se un adulto prova a mandare un messaggio a un giovane utente che non lo segue, riceverà una notifica che lo avvisa che non può farlo. Questa funzione si basa sia sulla tecnologia di apprendimento automatico capace di prevedere l'età degli utenti, sia sull'età che gli utenti forniscono quando si iscrivono ad Instagram. "Muovendoci verso la crittografia end-to-end, stiamo investendo in funzioni che possano tutelare la privacy e tenere le persone al sicuro senza accedere al contenuto dei loro messaggi direct" sottolinea il blogpost.