Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.848,58
    -214,97 (-0,93%)
     
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,64 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,92 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    28.966,01
    -1.202,26 (-3,99%)
     
  • Petrolio

    61,66
    -1,87 (-2,94%)
     
  • BTC-EUR

    39.614,48
    -34,50 (-0,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    912,88
    -20,25 (-2,17%)
     
  • Oro

    1.733,00
    -42,40 (-2,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2088
    -0,0099 (-0,81%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    -1.093,96 (-3,64%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.636,44
    -48,84 (-1,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8664
    -0,0029 (-0,33%)
     
  • EUR/CHF

    1,0965
    -0,0048 (-0,43%)
     
  • EUR/CAD

    1,5376
    +0,0032 (+0,21%)
     

Inter e Milan, rallenta l'iter col comune per lo stadio: i problemi di Suning rimandano la decisione in Primavera

·1 minuto per la lettura

Prima le voci sulla reale proprietà del Milan che hanno portato alla richiesta di spiegazioni formali da parte del comune e ora il caos societario dell'Inter e della sua di proprietà stanno incredibilmente rallentando i lavori per sbloccare l'avvio del progetto di costruzione del nuovo San Siro, il nuovo stadio delle due società milanesi.

ITER RALLENTATO - Secondo quanto riportato da Tuttosport, infatti, il Comune di Milano era già in attesa di un'ulteriore documentazione sulla composizione proprietaria tanto del Milan quanto dell'Inter, ma ora le voci sulla possibile cessione del club nerazzurro da Suning a BC Partners impongono prima di tutto un rallentamento e poi ulteriori verifiche. Sostanzialmente in casa Inter tutto, e non solo la questione stadio, è congelato in attesa della fine della due diligence con il fondo londinese.

RIMANDATO IN PRIMAVERA - A Palazzo Marino, questo periodo di transizione in casa Inter è letto come uno stimolo rafforzativo alle intenzioni, già ben chiare, di prendere tempo. L'obiettivo è quello di portare il dossier legato al nuovo stadio al giudizio della nuova maggioranza che uscirà dalle elezioni comunali che si terranno in primavera. Per un iter burocratico che, quindi, non avrà l'accelerata che i due club si aspettavano già da tempo.