Italia Markets closed

Intesa E.Romagna-Confindustria per attrarre investimenti esteri sul territorio

Cam

Roma, 21 nov. (askanews) - Gli investimenti esteri come fattore strategico per la crescita economica e occupazionale del territorio. Per trattenere le grandi imprese estere già presenti in Italia e agevolare l'insediamento di nuove, è stato firmato presso la sede di Confindustria Emilia Romagna il Protocollo d'intesa per il consolidamento e l'attrazione degli investimenti esteri dalla vicepresidente per l'internazionalizzazione e presidente dell'Advisory Board Investitori Esteri di Confindustria Licia Mattioli, dal presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e dal presidente di Confindustria Emilia-Romagna Pietro Ferrari.

Il Protocollo si inserisce all'interno del Progetto Retention voluto dall'Advisory Board Investitori Esteri di Confindustria e segue quelli analoghi già sottoscritti con la Regione Toscana nel gennaio di quest'anno e con la Regione Lazio lo scorso mese di settembre. L'obiettivo è promuovere la creazione di una funzione di customer care presso la Regione a disposizione degli investitori esteri sul territorio, che contribuisca concretamente alla retention degli stessi, supportando il mantenimento e l'espansione degli investimenti delle imprese estere come partner indispensabili per lo sviluppo dell'economia.

"Un dialogo costruttivo e continuo tra Confindustria, imprese estere e Regioni è l'unica soluzione per garantire le condizioni necessarie allo sviluppo degli investitori in Italia, facendoli diventare rappresentanti dell'attrattività del nostro Paese", ha detto la vicepresidente per l'internazionalizzazione di Confindustria Licia Mattioli. "Le multinazionali in Italia impiegano mano d'opera e talenti italiani, sono guidate da manager italiani, valorizzano filiere di qualità che tutto il mondo ci invidia, alimentando un rapporto virtuoso con le imprese della filiera, favorendone la competitività e l'internazionalizzazione, come in Emilia-Romagna". (Segue)